ULTIM'ORA

Youth, la giovinezza: ‘opera minore’. Ottimo Caine, basta!

Youth-La-giovinezza-paolo-sorrentino-cover-ost-480x480

di Cocò Parisienne - “E’ diffi pree un vecchio? La cosa più diffi è pree un morto”. Lo humor english di Michael Caine domina gli incontri per Youth, il nuovo film di Paolo Sorrentino in corsa a Cannes, di cui è protagonista e per il quale lecitamente può aspirare alla Palma per miglior attore.
“L’età è una questione di attitudine. Se hai passioni nella tua vita resti giovane e vitale nella mente”, gli fa eco Jane Fonda, che preta un’anziana attrice aggressiva, truccatissima e sy.

Youth-La giovinezza, primo film di Sorrentino con cui si è presentato a Cannes, dopo l’Oscar non entusiasma il Festivàl!

Peter Bradshaw critico del Guardian ne parla come ‘opera minore’, “più ente che mai ma in cui il regista poteva osare di più”.
Per il critico inglese, Youth ha una pallida eloquenza ed enza, ma c’è troppo alismo e un ‘rimpianto macho-geriatricico’ poco essante per il tempo perduto.

Compenti invece per Michael Caine, e in questo Bradshaw sembra d’accordo praticamente con tutti gli inviati sulla Croisette, “il cui volto è una maschera impenetrabile di delusione rotta solo di tanto in tanto da un buffo sorriso”.
Palma in arrivo per la migliore pretazione?

Su Mashable.com Jordan Hoffman definisce Youth ‘uno dei film più incredibili che vedrete quest’anno’.
Stoccata è dietro l’ ano: ‘Tuttavia, con un film come questo l’effetto abbagliante è un po’ come essere entusiasmato da una hall, prima della delusione generata dal vedere la vostra camera’. Secondo Hoffman, il bello del film non riesce a nascondere il suo ite maggiore: personaggi poco istici e conflitti improbabili. Variety, tradizionalmente considerato la Bibbia dello spettacolo Usa, registra i buu e gli applausi a fine proiezione e parla del ‘film più controverso visto in competizione finora’. Questo per quello che riguarda la cronaca: la recensione vera e propria, affidata da Variety a Jay Weissberg, parla del film di Sorrentino più ‘delicato’ di sempre.

David Ston sull’Evening Standard si spinge a definire Youth ‘forse superiore a La grande bellezza e Le conseguenze dell’amore per inventiva, brio e intensità’.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply