ULTIM'ORA

Walter, ’13 sassolini’ e Moratti va di penna!

2220823-inter_mo

di Nina Madonna - Ma quante ne dobbiamo sopportare a San Siro? Balotelli di ammazzare l’arbitro e poi dice “mica l’ho ammazzato!”. Guarin i si dopo qualche fischio, davanti a tutta Italia; con un gesto chiaro quanto usuale…dopo vi prendo tutti…

Basta, è tutto noioso e spregevole. Meno male che c’è che si sta togliendo dalla scarpe tanti sassolini con rabbia malcelata. Coem l’anno scorso a Napoli: 13 punti su 15, in 5 partite. A fischieranno le orecchie per la risposta di Walter…”certe sciocchezze le commento sul campo!”

Obiettivo centrato: per se stesso e per l’Inter. Fatta fuori anche la Fiorentina: 2-1 in rimonta per un secondo posto al pari di e Napoli.
Milano nerazzurra gongola, ma aveva fischiato sotto di un gol. Quello di Giuseppe che sblocca al 60′ su rigore.
Poi Cambiasso al 72′ e Jonathan all’83′ capovolgono partita e risultato mandando il sollucchero e gli interisti.

“Non ci saranno le firme domani, ma ogni momento può essere quello buono”. E’ il senso delle dichiarazioni fatte dal presidente dell’Inter Massimo al suo arrivo a San Siro prima del match con la Fiorentina, dichiarazioni informali rese ai giornalisti a microfoni spenti. , al momento del preaccordo con Thohir siglato a Parigi una settimana fa, aveva indicato circa un mese per la conclusione di tutti gli adempimenti a riguardo”.

Con la Fiorentina per la terza volta consecutiva il tecnico nerazzurro manda in campo la stessa formazione, affidandosi ancora al tandem Alvarez-Palacio. Senza Gomez, Pizarro e Cuadrado, sceglie invece il 4-3-2-1 con Juaquin e Fernandez alle spalle di . Due mondi a confronto. Da una parte solidità e ripartenze, dall’altra possesso palla e guizzi in profondità.

PAGELLE.
Alvarez 7. I fischi di San Siro per lui sono solo un lontano ricordo. L’argentino è il faro dell’Inter e svaria su tutto il fronte offensivo, mostrando corsa e tecnica da top player. Peccato che il piede destro lo usi solo per camminalre, altrimenti sarebbe inarrestabile

Palacio 6. Serata senza guizzi. Servito poco e male, non riesce a emergere e a reggere il peso dell’attacco nerazzurro. Comunque sempre generoso e al servizio della squadra

Jonathan 6,5. Serata opaca in fase di spinta per il brasiliano, che però alla fine si riscatta facendosi trovare al posto giusto all’83′ e segnando il gol della vittoria

Joaquin 6,5. Parte largo a destra e trova il tempo giusto per gli inserimenti. Nel primo tempo si fa fermare da Handanovic da buona posizione, ma nella ripresa si procura il rigore del momentaneo vantaggio

7. Freddo sul rigore, perfetto nei panni della punta che tiene palla e fa salire la squadra quando sbatte contro il muro nerazzurro. lo leva subito dopo il gol e la cala vistosamente, perdendo metri preziosi

5,5. Da una sua incertezza su d’angolo nasce il secondo gol. Sotto pressione, la Fiorentina soffre e manca ancora di una sicurezza tra i pali

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply