ULTIM'ORA

Vincono giocatori e tivvù: sempre di sera, solo 10 gare diurne mai a Napoli e Lecce!

Calcio: Presentazione "Gran Galà del calcio AIC"

di Nina Madonna - Solo 10 su 124 partite si giocheranno alle 17.15, tutte nei fine settimana; mai a Napoli e Lecce.
E’ l’anticipazione del nuovo calendario della serie A per cui si attende l’ufficializzazione!
In attesa si sa che oltre metà gare saranno alle 21.30 e una cinquantina alle 19.15.
Nessuna squadra giocherà più di due partite col sole.

Hanno vinto i calciatori e sopra le televisioni che per recuperare il crollo dei palinsesti puntano sugli ascolti serali.

-, big match del 34° turno, sarà il posticipo di lunedì 20 luglio.
Niente gare in diurna nel primo fine settimana il 20 e 21 giugno, quando verranno recuperate 4 gare della 25esima, e nemmeno nel fine settimana conclusivo della Serie A, quando le partite verranno spalmate in serale fra sabato 1 e domenica 2 .

Ha vinto anche l’AIC che con il presidente Tommasi aveva avvertito… “Il tema riguarda la tutela della salute e quello degli orari mi auguro non diventi un problema. Mi auguro si faccia una scelta logica, visto che bisognerà giocare tante partite in un breve lasso di tempo con le rose che rischieranno di trovarsi in difficoltà. Mi auguro si vada verso la da serata piuttosto che il do pomeriggio”. Così il presidente dell’Associazione na calciatori, Damiano Tommasi, ai microfoni di ‘Domenica Sport’ su Rai Radio 1.

“Mi auguro non ci siano g ostacoli, altrimenti cercheremo di riflettere modalità per evie questo – ha aggiunto – Non sono capricci o impuntature strumentali. Bisogna mettere nelle migliori condizioni possibili chi dovrà generare lo spettacolo”.

Quanto alla Coppa , Tommasi ha sottolineato che “la perplessità sono i pochi giorni di tempo fra semifinali e finale, anche nella tutela di chi va in campo. Due partite di coppa oligano le squadre a scendere in campo con le migliori formazioni possibili e questo rischia di far giocare tre partite in poco tempo agli stessi giocatoti. Spero si trovi una soluzione per dare più tempo di recupero”.

“Gol in chiaro? C’e’ un contratto firmato tra le televisioni e la Lega Serie A – ha concluso – L’accordo va tutelato, ma d’altra parte credo sia legittimo da parte del cercare di evie assembramenti permettendo ai di poter seguire le partite a casa. Penso si possa trovare una sintesi se broadcaster, Lega e si siederanno insieme. Penso sia normale cercare soluzioni eccezionali in casi eccezionali”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply