ULTIM'ORA

Var solo in Lega: chi condiziona gli arbitri?

C_29_articolo_1202558_upiImgPrincipaleOriz

di Nina Madonna - Ecco perchè la Var ha perso di in serie A! È allo studio una nuova rivoluzione per l’utilizzo della tecnologia: ad oggi un’ipotesi, ma dalla pma stagione potrebbe essere introdotta una centrale video unica per la video assistenza arbitrale.

Niente più monitor e Var in ogni ma – come accade in e da anni nella Nba – sede unica (a , in Lega Calcio) da dove sarebbero monitorate tutte le partite, con la supervisione di un responsabile. Una strada che prende piede: ai Mondiali di calcio in , i primi con l’utilizzo del Var, è prevista una centrale unica a Mosca.

Succede già in , ma la strada l’ha scelta l’Nba: i video assistenti arbitrali non sono all’no degli , nelle loro stanzette con tanto di monitor e di collaboratori. C’è una sola sede (in Germania è a Colonia) dove giungono i segnali di tutte la partite in corso di svolgimento e dove c’è la supervisione di un responsabile.

Si tratterebbe di una rivoluzione che non comporterebbe modiche relative al gioco o all’utilizzo stesso del VAR, ma organizzativa e legata anche al risparmio.
La gestione degli alla Var sarebbe più lineare, e non è necessario che Var1 e Var2 siano all’no dello .

Studi e valutazioni sulla fattibilità tecnica dell’ipotesi daranno tra poco il verdetto: i vari cablaggi e collegamenti devono essere perfettamente funzionanti prima di proporre e procedere verso questo nuovo step.

Ma dietro questa nuova ipotesi c’è certamente un a idea di asetticità: lontano dai campi sarebbe più dif condizionare chi sta ai monitor, o meglio la distanza dai fatti renderebbe le decisioni più fredde e distaccate!
Solita storia: chi condiziona gli ?

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply