ULTIM'ORA

Ultrà polacchi, DeLa e Digos sapevano: squalifica?

Clashes between Legia Varsavia and SSC Napoli supporters

di Paolo Paoletti - Adesso l’Uefa squalifichi il San Paolo e la Pepsi Arena di Varsavia!
26 , 86 daspo e 7 condanne a 3 anni e un mese di carcere: è il o di 2 giorni di violenze scatenate dagli ultrà polacchi e napoletani in occasione di -Legia Varsavia. Il Daspo è stato disposto per i coinvolti negli scontri: 76 già emessi, altri 10 scatteranno per i 10 arrestati ieri. I Daspo riguardano 60 polacchi e 26 napoletani!
Condannati a 3 anni e un mese, senza condizionale, i 7 ultrà polacchi arrestati per gli scontri e l’assalto a un’auto poi incendiata.

Gli ultrà e quelli del Legia avevano un conto in sospeso.
Nell’impianto Lazienkowska, tutto filò liscio… i focosi ‘Extreme Fanatical Atmosphere’ diedero ‘fuoco’ alla con una coreogra paurosa e intimidatoria, ma niente di più.
In Questura a si tremava dal d’estate quando si seppe che gli Ultrà di Varsavia sarebbero arrivati al San Paolo.
Gli ultranazionalisti del Legia sono famosi in tutta , già a Roma, 2 anni fa per la in , fecero stragi: 180 fermi!
‘Teddy Boys 1995′ sono i più scalmanati: quasi tutti militanti nelle bande criminali di Varsavia. Furono loro ad affrontare gli ultrà russi in Polonia-Russia di Euro2012.
Sono hooligans da viaggio, lontano da casa fanno la guerra: nel 2009, alla vigilia dell’Europeo in Polonia, il primo ministro Tusk ordinò una maxi-retata per ripulire un po’ gli stadi: oltre 1000 ultrà fatti fuori per fermare la violenza del pallone. Inoltre furono chiusi una decina di stadi, per privarli del loro habitat. Compreso quello del Legia.
A gli agenti del Questore Marino hanno segnalato le sigle presenti: i Wfh, i Warm, i Bear, i Sun….
Da noi nomi che non dicono nulla. Impossibile perfino capire se gemellati con tifoserie italiane, come si dice con gli ultrà Juventus.
La Digos avrebbe dovuto intervenire prima con un rapporto al Ministero degli Interni per chiedere la chiusura delle frontiere a questi delinquenti.
Così come Lega e Federcalcio avrebbero dovuto mettere in mora la federazione Polacca rispetto a eventuali incidenti. Niente.
Conclusione: chi a è passato tra Piazza Garibaldi e la Marina giovedi scorso dalla 18 in poi ha visto la con gli occhi.
Io personalmente mi sono trovato lì, tornando da Roma, ed ho assistito alle provocazioni di energumeni napoletani che apostrofavano i polacchi e le tante donne che vengono in Italia a lavorare come prostitute e mantenuti.
Lasciamo stare lo , sparito dai radar del calcio, ma questo non è neanche calcio e chi lo gestisce DEVE PAGARE perchè è impossibile che si arrivi a questi assurdi. Faccia peggiore della specune di pochi in nome di un falso interesse collettivo!!!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply