ULTIM'ORA

Tutti contro tutti: è tardi Rafa, cca’ nisciuno è fesso!

benitez.napoli.2013.2014.356x237

di Paolo Paoletti - Tutti contro tutti: il Napoli è una polveriera.
De Laurentis finge di rincuorare i si ma accusa per l’eliminazione . si sveglia troppo tardi, mandando a dire al cinepresidente che l’opzione per il terzo anno non vale. Se ne andrà a giugno. Stessa situazione di Mazzarri.
Callejon s’è messo di traverso perchè non ha digerito il no all’Atletico Madrid. Insigne è contro il Mondo perchè non accetta 700mila euro di stipendio dopo essere stato l’unico del Napoli in Brasile.
è passato da una finale mondiale alla rinuncia alla , gli scade il contratto da 2 milioni con lo sponsor e cerca squadra.
I si lo scorso anno hanno versato 15 milioni ai botteghini e non ne possono più di promesse e bugie.
Che Napoli è mai questo?
Il Napoli che De Laurentis ha voluto e accettato.
Il Napoli che ha imbrogliato tutti fingendo su Mascherano, Gonalons e Fellaini per ritrovarsi con De Guzman e Lopez, due scartine di terza fascia. Come Michu preso solo per incassare 11 milioni dallo Swensea dalla cessione di Fernandez.
Un Napoli più debole dello scorso anno, dopo l’addio di Reina e l’arrivo mdi Adujar.
Koulibaly è inferiore all’argentino fuggito in Inghilterra, gli altri sono illustri sconosciuti.

Tutto previsto, tutto fatto a tavolino. Con soli 23 milioni di attivo e il di circa 4 messi a bilancio come prestiti soci, modo per farli andare nelle tasche di De Laurentis, solo chi crede alle favole poteva dare ascolto a tutte le fesserie fatte pubblicare dai giornali dal cinepresidente.

Colpa sopratutto di tv e giornali.
Passi per da sempre grancassa delle 6/7 sorelle della serie A per necessità.
Non può deprezzare un prodotto che paga 600/700 milioni l’anno. Adesso che la guerra s’è scatenata con Mediaset, stranamente è comparso nei palinsesti un programma su tutti i mali del calcio. Conduce Vialli, perchè non prima?

I giornali. Corbo su la Repubblica conosce bene le 12 risposte ai questiti posti. Troppo esperto per esporsi, ma ciò fa male ai napoletani che hanno bisogno di difensori d’ufficio sulle malefatte di De Laurentis.

Il Corport è fuori gioco, nonostante i titoli delle ultime 24 ore: chi è sponsor dei (Roma e Napoli) chi incassa 250.000 euro l’anno di pubblicità da chi deve criticare non è credibile.

La Gazzetta lotta da lontano. MiMal, al secolo Mimmo Malfitano, è già indesiderato al Napoli, di più nopn può fare e nei giorni in cui esce un inserto ‘prefabbricato’ du Roma e Napoli, non può sputtanare quanto scritto 2 settimane fa.

Il Mattino è il più responsabile: deve battagliare al fianco dei si. Dopo che De Luca scrive in prima che servono , non può affidare a tecnici e free lance con troppi interessi di parte, la critica feroce che servirebbe per dare forza alla rabbia del .

Il colpevole di tutto è De Laurentis. ‘Piagne e fotte’ dicono nella sua Roma borgatara. Noi qui a farci infinocchiare. Non esiste progetto, non esiste nessuna volontà scudetto, non esiste niente: società, settore giovanile, stadio, centro ivo, sono tutte balle. A De Laurentis interessa solo mettersi i in tasca che il Napoli gli ha regalato e raggirare l’ambiente.

Spiace che che per 4 milioni scarsi sia suo complice. Rafa sa bene che la squadra è peggiore dello scorso anno. Sbaglia a rinunciare a Pandev e Dzemaili, sbaglia a far finta di niente su Callejon, sbaglia non attivare Haguain che deve pubblicamente dire quali sono le colpe per l’eliminazione .

Certo gli risulta difficile ammettere con Gonzalo di aver garantito ciò che il Napoli non si è mai sognato. Il progetto fantasma è l’unico vero motivo dei cento no contro cui Bigon è sbattuto. Non altro. Se a Napoli sono venuti Sivori e Altafini, Savoldi, Krol, Maradona, Careca, Giordano, Bagni e tanti altri non c’è microcriminalità che tenga. I venuti a Napoli, hannuo superato colera, terremoto e la vera camorra. Fuguriamoci qualche furtarello.

Anzi diciamola tutta, chi si fa rubare qualche orologio è causa del suo male. Ha brutte frequentazioni e fa entrare in casa gente da cui dovrebbe stare alla larga.
Lavezzi e Gargano hanno lasciato Napoli per questo. Lo stesso Cavani aveva situzioni personali discutibili che ha risolto con la fuga a peso d’oro parigina.

Il tutto contro tutti in atto da 2 mesi è figlio di vuoti manageriali che De Laurentis vuole ben sapendo cosa portano.
ha scoperto di essersi mal fidato ed ora ne paga le conseguenze.

L’Atletico Madrid è certamente inferiore a questo Napoli sgangherato e involuto ma la squadra ha dato un segnale di insofferenza alle prese in giro del cinepresidente.
Bigon è un ectoplasma, Hamsik tutto fa tranne che il capitano, Lorenzino il solo napoletano è troppo giovani e troppo poco considerato per recitare un ruolo da leader. Vuole andarsene.

Mazzari, Lavezzi, Cavani, tutti agli altri che sono andati via dal Napoli, lo hanno fatto male: rancore e maldicenza. Napoli ed i napoletani non meritano tutto questo.

Fanno ridere tutte le osservazioni tecniche. Solo chi non capisce di calcio, poteva credere alla e può credere allo scudetto. Questo Napoli vale il sesto-settimo posto in Serie A. Figuriamoci in .
fa più bella figura a dimettersi. De Laurentis non cambierà mai: ha pagato tutti i suoi debiti, in 10 anni ha sfilato dalla tasche dei napoletani oltre 100 milioni. Due Coppette del nonno, sono l’alibi per i fessi.

Cca’ niscuno onesto lo è!|

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply