ULTIM'ORA

Piange Dortmund, Tevez come Alex: Juve trionfa tra le 8.

champions-league-borussia-dortmund-juventus-live-639638

di Paolo Paoletti - , semplicemente …La Juve da una lezione di a Dortmund: 3-0, doppietta di Carlitos: chi poteva scommetterci?
aveva provato ad esorcizzare, non è un partita che decide una stagione. Quasi una ammissione di paura, invece la Juve tira fuori la partita perfetta, che ha fatto sembrare quasi banale questa vittoria.
Klopp ha probabilmente esaurito la spinta col Borussia, dopo anni di vittorie e soddisni: il muro giallonero è rimasto zittito dal dominio degli italiani.
ha indovinato tutto, formazione e tattica. Ovviamente favorito dal gol dell’Apache dopo appena 3′ minuti. Un gol che ha indirizzato la gara, come Max aveva previsto e sperato. Palleggio, controllo del pallone, fisicità e freschezza…è stata una bella e grande Juve.
Sopratutto convinta di poter fare risultato, nonostante il forfait di Pirlo e il nuovo infortunio muscolare di Pogba a metà del primo tempo. Brutta botta alla spalla anche per Bonucci quasi al termine. Lussazione, clavicola…? Sarebbe un pedaggio troppo pesante, vedremo nei pmi giorni.

La Juventus è entrata tra le prime 8 d’: un attestato di forza e di fiducia sul futuro.
Venerdi a Nyon sarà durissima: , Barcellona e ; Bayern Monaco; e Monacò – forse la più abbordabile – Porto. Tre spagnole, due francesi, una tedesca, una portoghese… la fortuna adesso farà la differenza.

I gol: 3′ , 70′ Morata, 79′ ancora . La Juve ha vinto da grande. Certamente non ha incontrato il miglior Borussia, smarrito da mesi, ma il rapporto di forze non ha mai tenuto il risultato in discussione. Quando si hanno campioni come Marchisio, Vidal, Lichesteiner, anche il giovane e promettente Morata fa il salto di qualità: una rete servita con i guanti gialli da Carlitos, coraggio e concentrazione; la Juve ha sofferto nel primo tempo, perchè troppo bassa, le correzioni di nell’intervallo hanno deciso la partita.

Baggio, Del Piero, … tre grandi 10 hanno sempre trascinato i bianconeri a Dortmiund. E’ stato così anche stavolta. Carlitos è felice e calmo: “La squadra ha giocato alla grande..La difesa è decisiva. Io faccio il mio lavoro. La Champions è una scalata enorme, ci proveremo”.

Il italiano rialza la testa con la Juventus.
Una sola italiana tra le migliori 8, ma c’è. Come la potente Germania e la rivelazione Portogallo.
Continua, invece, il dominio spagnolo. La è la novità.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply