ULTIM'ORA

Toccato il fondo: Napoli vergognoso, ADL si dimetta!

delaurentiis_201811221217_400x265

di Paolo Jr Paoletti – Non c’è più neanche da inveire contro: questo Napoli fa schifo!
Gattuso arsca: O,6 di media punti, 9 subiti: ma cosa è venuto a fare?
La di Iachini, invece, in 18 giorni ha ribaltato la situazione; battuto 2-0 il Napoli al .
Tre punti con un per tempo: vantaggio al 26′ con un destro di punta di Chiesa mentre Di Lorenzo fa la statuina; raddoppio al 74′ con un sinistro a giro di Vlahovic mentre Luperto si guarda in giro!
Per il Napoli solo un palo esterno di al 51′.
Terza sconfitta di fila in campionato e una domanda.: perchè cacciare Ancelotti se il Napoli è ancora peggiorato?
Con la pressione a centrocampo e la gamba di 4-5 Viola (in rosso al ), la ha cancellato gli azzurri.
Gattuso ci mette del suo sbagliando schieramento con Hysaj a destra, Di Lorenzo al centro, Luperto a sinistra… intera difesa fuori ruolo!!!
Basta, l’atmosfera sure allo stadio di sottolinea tutti gli errori di De Laurentis, ancora fischiato dal pulico.
Gattuso dice che è stata una prestazione imbarazzante? Le scuse al tifo e alla città servono a poco.
Vergogna!!!
Ma stiamo ancora a dover analizzare cosa non funziona?
Non funziona niente.
Il Napoli ha toccato il fondo: De Laurentis lasciasse la presidenza, forse i giocatori saranno contenti e torneranno a giocare!

VOTI DECISIVI
Milik 4. Tanto movimento e detta sempre il passaggio ai compagni, ma raramente il pallone gli arriva giocabile. Si inventa un’occasione con un’acrobazia, ma si scontra sui riflessi di Dragowski. Ci prova, ma è poco supportato.
Allan 5. Dei tre centrocampisti è il più avanzato, ma anche il meno a suo agio al limite dell’area avversaria. Pasticcia spesso nel momento decisivo e quando Gattuso lo cambia per dare più qualità e geometria al gioco, se ne esce stizzito e va dritto negli spogliatoi.
5. Primo tempo assente, prova ad alzare il ritmo nella ripresa ma va troppo spesso a rintanarsi nella sua zona di comfort aiutando la difesa della . Un palo esterno gli nega la gioia del .

Chiesa 7. E’ la freccia nell’arco di Iachini da scoccare in campo aperto. Trova il chiudendo un’ottima azione corale, poi spreca il raddoppio a conclusione di una trianazione da applausi.
Cutrone 6,5. Moto perpetuo in profondità e in pressione. Non mette il “veleno” con cui Gattuso, oggi avversario, lo esaltava in rossonero, ma è una spina costante per i centrali azzurri.
Castrovilli 7,5. Qualità e quantità nelle due fasi. Decisivo in fase offensiva nelle azioni più importanti della ; sempre presente anche in sup difensivo ai compagni. Si lascia andare anche a qualche giocata di fino, che gli riesce spesso e volentieri.

TABELLINO. NAPOLI- 0-2
Napoli (4-3-3): Ospina 6; Hysaj 4, Manolas 5, Di Lorenzo 4,5, Luperto 4; Allan 5 (11′ st Demme 5,5), Ruiz 5, Zielinski 5,5 (18′ st Lozano 5); 5 (30′ st Llorente 5,5), Milik 4, 5.
A disposizione: Meret, Karnezis, Tonelli, Elmas, Lobotka, Younes.
Allenatore: Gattuso 5.

(3-5-2): Dragowski 6; Milenkovic 6,5, Pezzella 6, Caceres 6,5; Lirola 6,5, Benassi 6,5, Pulgar 6, Castrovilli 7,5, Dalbert 6 (42′ st Ceccherini sv); Chiesa 7 (33′ st Sottil sv), Cutrone 6,5 (21′ st Vlahovic 7).
A disposizione: Terracciano, Brancolini, Venuti, , Terzic, Zurkowski, Ghezzal, Badelj, Eysseric.
Allenatore: Iachini 7.

Arbitro: Pasqua
Marcatori: 25′ Chiesa, 29′ st Vlahovic
Ammoniti: Hysaj, Demme (N); Dalbert (F)

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply