ULTIM'ORA

Suarez: Chiello perdona, gli sponsor no.

TOPSHOTS-FBL-WC-2014-URU-FEATURE

di Antonella Lamole - “La di 4 mesi inflitta a è eccessiva”. Giorgio Chiellini, su Facebook, commenta le sanzioni al morso.
“Ho sempre considerato inequivocabili gli interventi disciplinari da parte degli organi competenti – scrive – ma al tempo stesso credo che la formula proposta sia eccessiva. Dentro di me non c’è nessun o di felicità, rivincita o rabbia contro per un incidente accaduto sul campo di gioco e finito lì. Rimangono solo la rabbia e la delusione per la partita persa”, ha anche scritto su twitter.
“Spero sinceramente che gli sarà consentito, almeno, di stare vicino ai suoi compagni durante le partite perché tale divieto è davvero alienante per un giocatore”.

Dopo la dura anche gli sponsor abbandonato Luis : la multi del gioco online ’888poker’ ha annunciato l’interruzione del rap con il centravanti uruguno con “effetto immediato”.
L’attaccante del Liverpool, 27 anni, ha subito una di 9 partite internazionali oltre alla sospensione per quattro mesi da ogni attività connessa al calcio.
Per lui il mondiale è finito, e già oggi è atteso in Uruguay per le vacanze anticipate.

Anche l’Adidas, partner della Fifa e sponsor dell’attaccante, riconsidererà il rap con il giocatore al termine del mondiale.

Il Presidente dell’Uruguay invece sta con . “Quanti soldi hanno perso” alla Fifa a causa dell’uscita di Italia e , che sono state ‘buttate fuori’ dai mondiali dall’Uruguay? A porsi la domanda durante un’intervista tv è Josè Mujica, commento alla stangata della FIFA a .
“I giocatori italiani sono nel far irritare la gente e questo pazzo di ci è cascato”, spiega Mujica ricordando che durante l’incontro gli ‘Azzurri’ lo hanno costantemente disturbato.

“Gente esperta e veterana che i Fifa dovevano conoscere”, precisa Mijica a Diego Armando nel programma della tv venezuelana “De Zurda”, aggiungendo che giocatori come “sono nati nella povertà”. Mentre i Fifa, vengono da “un’altra società e hanno altre risorse, non vogliono quindi capire come sono questi ragazzi…non capiscano niente. E non perdonano”.

“Se uno alza la testa, disturba”, accusa Mujica, ricordando ‘la rabbia’ degli uruguni.
Ieri notte, il presidente uruguayano era all’aero di Montevideo per attendere, insieme a 2000 si, l’arrivo di dal Brasile.
Dopo un po’ è tornato a casa: non c’erano tracce del ‘Pistolero’.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply