ULTIM'ORA

Solo il Napoli: Inter e Viola sperano, Roma e Toro fuori?

Trabzonspor vs SSC Napoli

di Paolo Jr Paoletti - Solo il Napoli, come previsto. vince in Europa: con i 4 ai modesti turchi, Benitez è già agli .
(1-1) e Torino (2-2) rischiano molto, (3-3) e Fiorentina (1-1) sperano nel ritorno in casa ma non sarà facile eliminare Celtic e Tottenham.
Pareggio molto amaro per la , già ferita dagli ultrà olandesi: vittoria sfumata anche col Feyernood al termine di una partita comionciata bene e finita tra i fischi.
Torino con l’Athletic Bilbao.

I risultati dell’andata 16imi di finale :

Trabzonspor-Napoli 0-4
-Feyenoord 1-1
Torino e Athletic Bilbao 2-2
Celtic- 3-3
Tottenham Hotspur – Fiorentina 1-1.

Young Boys (Svi) – Everton (Ing) 1-4
Psv Eindhoven (Ola) – Zenit (Rus) 0-1
Dnipro (Ucr) – Olympiacos Pireo (Gre) 2-0
Aab Alborg (Dan) – Bruges (Bel) 1-3
Wolfsburg (Ger) – Sporting Lisbona (Por) 2-0
Villar (Spa) – Salisburgo (Aut) 2-1
Guingamp (Fra) – Dinamo Kiev (Ucr) 2-1
Siviglia (Spa) – Borussia Moench. (Ger) 1-0
Ajax (Ola) – Legia Varsavia (Pol) 1-0
Anderlecht (Bel) – Dinamo Mosca (Rus) 0-0
Liverpool (Ing) – Besiktas (Tur) 1-0

NOTE.
NAPOLI.
Un allenamento o poco più. Il Napoli sbanca a Trebisonda, dà una lezione severa al Trabzonspor ed ipoteca la qualificazione agli di finali di . La gara di ritorno, dopo il 4-0 in Turchia, si preannuncia come una formalità. A Trebisonda, in condizioni ambientali difficili, i partenopei mostrano una prova di forza notevole che chiude le polemiche e sgombra il campo dai timori che avevano inquinato l’ambiente dopo la sconfitta in campionato con il Palermo.

. Nel giorno della devastazione e del terrore porta a porta, per la guerriglia urbana inscenata dai seguaci del Feyenoord nel cuore della Capitale, la non è riuscita a sfatare un grande tabù: quello dell’Olimpico, dove – entro il 90′ – non riesce a vincere dal 30 novembre (4-2 all’). n Europa, il digiuno è addirittura minabile, visto che il successo non arriva dal 17 settembre scorso (5-1 al Cska, in ). L’1-1 con il Feyenoord è un risultato che pregiudica in parte il cammino nell’: a Rotterdam, contro una squadra solida, nella quale spicca qualche buona individualità, servirà l’impresa. La , questa in particolare, non è in grado di portarla a termine. A meno che non ritrovi la strada smarrita.

FIORENTINA. Non smette di correre la Fiorentina di Montella che allo White Hart Lane di Londra porta a casa un pareggio pesante, recuperando dopo 30′ lo svantaggio iniziale. Subito pericoloso il Tottenham, che al 6′ va in vantaggio con l’ del Valencia Soldado: c’è un corner da destra per gli Spurs, Pasqual perde la marcatura e l’attaccante spagnolo, in solitudine, gira con il destro in rete. Un minuto prima Tatarusanu aveva dovuto sventare un tiro di Chadli. Gli Spurs insistono con Eriksen, con un tiro alto sopra la traversa, e con Paulinho. Il primo tentativo della Fiorentina era stato con un tiro di Gomez, non andato a segno. Ce la fa al 36′ Basanta. Punizione battuta da sinistra da Mati Fernandez, Lloris respinge e la palla rimbalza sulla schiena di Savic: l’argentino colpisce a rete passando quasi tra le gambe di Walker.

. Mancini beffato ancora una volta al 93′ e dopo Torino e Napoli, anche il Celtic nei sedicesimi di , sfrutta una disattenzione nei minuti di recupero e trova un giusto pari. A Glasgow finisce 3-3, una gara ricca di emozioni e colpi di scena. Così nel ritorno a San Siro, basterà un pari con meno di tre subiti per centrare la qualificazione. Tra i nerazzurri meritatamente sotto i riflettori vanno Shaqiri, il migliore, e un che mette a segno una doppietta. La scelta di Mancini di lasciare Kovacic in panchina, per la quarta volta, viene quindi premiata. Ma preoccupano, ancora, le incertezze difensive e il passo indietro di , Kuzmanovic e Icardi. Manca ancora un po’ di all’, che si fa recuperare due volte anche un doppio vantaggio. E la strada è ancora lunga.

TORINO. Delusione granata, al ritorno nell’Europa che conta. La festa – stadio pieno, ambiente ‘gasato’, coreografie da serata di gala – si affievolisce con il 2-2 finale che costringe la squadra di Ventura all’impresa nel ritorno al ‘San Mames’, se vuole passare il turno. Non basta la doppietta di uno scatenato Maxi Lopez, l’Athletic rimedia e sfiora il colpaccio dopo avere rischiato il ko.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply