ULTIM'ORA

Siria, ore contate per l’attacco. Putin minaccia conseguenze catastrofiche!

Siria-attivisti-centinaia-vittime-attacco-gas-letali_9180224

Una serie di attacchi limitati contro la Siria in rappresaglia per l’uso di armi chimiche potrebbero essere lanciati “a partire da giovedi’”. Lo ha detto alla Nbc una fonte dell’amministrazione Usa. “Tre giorni di raid” sarebbero limitati nell’obiettivo e mirati a mandare un messaggio al regime di Damasco, ha detto la fonte.

Le potenze occidentali hanno detto all’opposizione siriana di attendere un attacco nei pmi giorni. Lo riferiscono alla Reuters fonti che hanno partecipato ad un meeting con la coalizione siriana.

La  Araba denuncia: Il regime di Bashar al Assad “ha la piena responsabilita’” per l’uso di armi chimiche in Siria, e il Consiglio di sicurezza Onu deve “superare le divergenze e adottare misure dissuasive”.

Hagel, a Obama opzioni per tutte evenienze - ”Abbiamo spostato gli asset per essere in grado onorare e assecondare qualsiasi opzione il presidente” decidesse di seguire. Lo afferma il segretario alla difesa, Chuck Hagel, in un’vista alla Bbc, sottolineando che sono state offerte al presidente ”le opzioni per tutte le evenienze”.

Siria: Gb, la comunita’ deve rispondere - ”La comunita’ deve rispondere” al presunto attacco chimico in Siria. Ne e’ convinto il britannico David Cameron, fa sapere un portavoce di Downing Street.

”Qualsiasi decisione deve essere presa rigorosamente in un ambito . Qualsiasi uso di armi chimiche e’ completamente e assolutamente aberrante e la comunita’ deve rispondere”, ha dichiarato il portavoce di David Cameron.

Gb, lavoriamo a piano risposta militare - Gb, lavoriamo a piano risposta militare – Le forze armate britanniche stanno mettendo a punto un piano di emergenza nell’eventualita’ di una risposta militare al presunto attacco chimico in Siria. Lo fa sapere Downing Street.

Bonino, Italia non parteciperà al di fuori Onu - “L’Italia non prenderebbe parte a soluzioni militari al di fuori di un mandato del Consiglio di sicurezza dell’Onu”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Emma Bonino alle Commissioni Esteri congiunte.

Per l’Italia un mandato del Consiglio di sicurezza dell’Onu è “l’unico quadro di riferimento giuridico” per un vento militare contro la Siria, ha detto il ministro degli Esteri, spiegando il no dell’Italia a venire senza un via libera dei 15.

Una riunione a livello ministeriale dei Paesi “Amici della Siria” e dell’opposizione siriana si terrà il 4 settembre. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri Emma Bonino, senza precisare il luogo dell’incontro.

Usa rinviano incontro L’Aja - Il Dipartimento di Stato Usa ha annunciato che sarà rinviato l’incontro previsto con la domani, 28 agosto. La decisione è messa in relazione alla necessità di elaborare una risposta adeguata all’uso delle armi chimiche in Siria.

L’incontro rinviato era in programma per domani a L’ tra i diplomatici di Stati Uniti e . Si puntava a discutere il progetto di una conferenza di pace per porre fine alla guerra civile in Siria. Un alto funzionario del Dipartimento di Stato Usa ha però annunciato il rinvio a causa delle ”consultazioni in corso per trovare una risposta appropriata dopo l’attacco con armi chimiche in Siria, il 21 agosto”. L’incontro più in dettaglio doveva essere tra Wendy Sherman, sottosegretario per gli affari politici al Dipartimento di Stato, l’ambasciatore degli Stati Uniti in Siria Robert Ford, e i ministri russi Gennady Gatilov e Mikhail Bogdanov. ”Lavoreremo con i nostri colleghi russi per riprogrammare l’incontro”, ha detto l’alto funzionario, aggiungendo che l’uso recente di sostanze chimiche nel paese dimostra la necessità di arrivare ad una soluzione politica definitiva e duratura per porre fine allo spargimento di sangue in Siria.

Rinvio Usa incontro Ginevra 2, rammarico Mosca - Mosca si rammarica per la decisione degli Usa di cancellare l’incontro bilaterale russo-americano per la discussione della convocazione della conferenza di pace sulla Siria: lo ha twittato il viceministro degli esteri Ghennadi Gatilov. L’incontro era previsto domani all’ ma Washington ha comunicato la decisione di rinviarlo.

Il dipartimento di Stato Usa, riferisce Itar-Tass, ha deciso di rinviare l’incontro perchè sono in corso consultazioni sulla risposta adeguata all’attacco con l’uso di armi chimiche. ”L’elaborazione dei parametri per la soluzione politica in Siria sarebbe molto utile proprio ora in cui su questo Paese incombe un’azione militare”, si legge nell’account twitter di Gatilov, che esprime rammarico per la cancellazione dell’incontro.

Moallem,oggi ribelli bloccano lavoro ispettori - Gli ispettori dell’Onu sull’uso di armi chimiche non si sono potuti recare oggi in una localita’ vicino a Damasco dove volevano accedere a causa di un mancato accordo tra diversi gruppi ribelli, ha affermato il ministro degli Esteri siriano Walid al Moallem.

Bonino, forse domani riunione Consiglio Sicurezza - Si potrebbe tenere domani una riunione del Consiglio di sicurezza dell’Onu sulla situazione in Siria. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri Emma Bonino alle Commissioni congiunte, aggiungendo che esiste una proposta in tal senso “di cui attendiamo conferma”.

Bonino, Nato ne discutera’ giovedi’ - La Nato discutera’ del caso Siria giovedi, a Bruxelles. Lo ha riferito il ministro degli esteri Emma Bonino.

di Italo Lamela – L’Iran, attraverso il portavoce del ministero degli Esteri, ha ribadito che un attacco alla Siria avrebbe ”gravi conseguenze” in ”tutta la regione mediorientale”. Serve una ”soluzione politica” alla crisi siriana e ha espresso la speranza di Teheran che i ”leader europei” prendano ”sagge decisioni” evitando l’attacco.

Il portavoce, Abbas Araqchi, ha precisato che le “gravi conseguenze” sarebbero provocate da “qualsiasi azione militare” contro la Siria e ha sottolineato che questo è il momento di essere cauti per evitare che la situazione vada “fuori controllo”: uno sviluppo, ha detto il portavoce iraniano, “che speriamo non accada”. Teheran comunque, ha annunciato Araqchi, farà “del suo meglio” per evitare un conflitto e “speriamo che tutti tornino indietro” alla ricerca di una “soluzione politica”.

, aggirare Onu conseguenze catastrofiche. Per la i tentativi di aggirare il Consiglio di Sicurezza Onu “creano per l’ennesima volta pretesti artificiali infondati per un vento militare nella regione, gravidi di nuove sofferenze in Siria e conseguenze catastrofiche per Medio Oriente e Nord Africa Nord”. Lo dichiara oggi Alexander Lukashevich, portavoce del Ministero degli Esteri russo.

Riguardo alle prove ”inconfutabili” sull’uso da parte del regime di Damasco di armi chimiche di cui gli Stati Uniti sarebbero in possesso secondo quanto dichiarato ieri dal segretario di Stato americano John Kerry, queste secondo Lukashevich ”non sono state tuttavia ancora presentate”. Ieri in una telefonata con il britannico David Cameron, il presidente russo Vladimir aveva affermato che a suo avviso ”non ci sono ancora prove che l’attacco del 21 agosto sia stato opera delle forze di Assad”.

Il Cairo non vuole nuovo Iraq. L’Egitto mette in guardia contro nuovi spargimenti di sangue come in “Libia, Iraq e Afghanistan, e invita le parti alla saggezza e a trovare una soluzione politica al conflitto in Siria. Lo ha detto all’ANSA un responsabile del ministero degli Esteri egiziano chiedendo l’anonimato.

 

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply