ULTIM'ORA

Serena, 6° Wimbledon… ma Garbine conquista tutti!

Wimbledon Championships

di Mary Bridge - Serena Williams ha vinto il torneo femminile di Wimbledon, battendo in finale la spagnola Garbine Muguruza Blanco con il punteggio di 6-4, 6-4. Per la ta statunitense, n.1 al mondo, è la sesta in sinare nello slam londinese. – La campionessa 34enne ha raggiunto così le 21 vittorie in un torneo dello slam (sei n Open, tre , sei Wimbledon, sei Us Open). Dopo le vittorie in questa stagione a Melbourne, Parigi e Londra, se si imponesse anche a New York potrebbe conquise il Grande Slam, eguagliando l’impresa compiuta da Maureen Connolly nel lontano 1953, da Margaret Smith Court nel 1970 e da Steffi Graf nel 1988.

Tra gli uomini Federer cerca la rivincita – Roger Federer è in finale nel sinare maschile di Wimbledon per la volta. Lo svizzero, che ha conquistato il trofeo sull’erba londinese per 7 volte, ha sconfitto in semifinale lo scozzese Andy Murray per 7-5 7-5 6-4. In finale Federer affronterà il serbo Novak Djokovic, dal quale fu battuto (in 5 set) nella sfida per il titolo dello scorso anno. Djokovic ha battuto in semifinale il francese Charles quet col punteggio di 7-6 (2), 6-4, 6-4.

Hingis in una finale Wimbledon, prima volta dal 1998 – Martina Hingis torna in una finale del torneo di Wimbledon, per la prima volta dal 1998 ad oggi. Questa volta la 34enne giocatrice svizzera disputerà la sfida decisiva per l’assegnazione del titolo del doppio donne grazie al successo di oggi, in coppia con l’na Sania Mirza, per 6-1 6-2 sulla coppia americana formata da Raquel Kops-Jones e Abigail Spears. In finale affronteranno la coppia testa di serie n.2, quella russa di Ekaterina Makarova ed Elena Vesnina, vincitrici l’anno scorso degli US Open, che hanno battuto per 6-3 4-6 6-4 Timea Babos e Kristina Mladenovic nell’altra semifinale. Martina Hingis, che in sinare ha vinto tutti i del Grande Slam (5 volte negli anni ’90), si è già imposta nel doppio donne a Wimbledon nel 1998 giocando in coppia con Jana Novotna.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply