ULTIM'ORA

Sarri, contratto cinema…ma il calcio non è un film!

Sassuolo - Napoli

di Paolo Paoletti – Innamorato del Napoli, di Sarri e di Insigne. Fa dopo aver sbancato San Siro, 4-0.
Nell’agenda del day after ci sono 3 grosse grane da risolvere: il futuro di Sarri, Higuain e Insigne.
svela che su Sarri c’è un’opzione per 5 anni e che entro aprile, ogni anno, può esercie il suo diritto.
Sbaglia, perchè nel calcio come nella vita, nessun contratto può obbligare una persona contro la sua volontà.

Innanzi precisiamo che il contratto federale del tecnico è di 1 anno!
Ma il rinnovo immediato del contratto di Sarri è necessario per dare forza al tecnico, quando arriveranno momenti difficili, diversi da quelli iniziali dove di alibi c’è n’erano a bizeffe: ridi e rifiuti di mercato in primis.
Chiaro che se vuole trasformare una ‘botta-di-culo’ in una scelta consapevole, questo è l’atto obbligato!!!

Così per Higuain. Diversamente si rischia di andare ad una risoluzione a parametro , anche perchè DeLa continua a presensi dal manager Nicolas con quattro noci in un piatto. Gonzalo è il giocatore che determina di più in Serie A….? Bene, deve essere il giocatore più pagato, quindi oltre i 6,5mln netti che percepisce De Rossi alla Roma!

?Infine’ Insigne. Ha lo stesso contratto capestro di Sarri: per Lorenzo il pericolo non è solo il disamore per , ma la er che lo tiene puntato. Lì dove guadagnare 5 mln l’anno non sarebbe un problema. Quasi 5 volte più di quanto paga il cinepresidente!
Non scherziamo il calcio non è cinema e il Napoli non è un film!

Leggo:
“Dal 1986 a oggi ‘avevamo’ vinto solo due volte contro il Milan e domenica è stato un regalo ai tifosi del Napoli che vivono a Milano e che spesso di lunedì subiscono sfottò. Per una volta hanno potuto essere altezzosi, con fierezza. E’ un regalo per tutti i ”.

CONTRATTO SARRI. Il patron azzurro ha poi spiegato la scelta dell’allenatore e la sua strenua difesa quando a inizio campionato i risultati non erano buoni: «Ho detto alla critica che doveva prendersela con me perché ho le spalle larghe, ma anche perché nel calcio non si può ignorare che ci sono un mercato che dura fino a fine agosto e la necessità di inserire i giocatori lavorando sul campo. Le prime partite sono da sempre un punto interrogativo. I tifosi dovevano avere tranquillità e, siccome io ero rimasto conquistato da Sarri, l’ho spalleggiato con forza. Quando ci ha battuto lo scorso anno con l’Empoli, mi aveva impressionato, ma conoscendolo mi sono piaciute anche la sua intelligenza e la sua semplicità. E’ una persona anche sofisticata e quando mi fanno noe che non è il massimo dell’eleganza perché porta la tuta, io rispondo: “Facciamola finita!”. Benitez mi diceva che gli avevo fatto fare il vestito su misura, ma che gli tirava sotto le braccia e che non riusciva a chiamare neppure i giocatori… Non conta quello che uno indossa. Il contratto annuale? Ha un contratto stile cinema: un anno più 5 opzioni da un stagione ciascuna. Ogni anno, entro aprile, ho il diritto di esercie l’opzione per riconfermarlo».

KLOPP, ….Alla scelta di Sarri De Laurentiis è arrivato in modo naturale: «Avevo pensato a Klopp e a uno spagnolo (Emery, ndr) per continuare la sequenza ispanica. Poi però ho messo sul tavolo come unici due “italiani” Sarri e . Di quest’ultimo mi piaceva il piglio forte, ma la seconda volta che ci siamo incontrati mi ha detto “Presidente, lei è scomparso per due settimane”. Sentirmi affrone con queste parole, anche se in modo educato, mi ha fatto capire che avevo bisogno di un umile professore come Sarri. I suoi pregi e i suoi difetti? Legge molto, come me, e questo è bello. Purtroppo però fuma tanto: io ho smesso altrimenti sarei morto e adesso devo convincere anche lui».

SCUDETTO E INSIGNE. Finale pirotecnico: «Il problema non è pronunciare quella parola (scudetto, ndr), ma il ruolo che uno ricopre: il tifoso è giusto che sogni, il presidente deve se con i piedi per terra perché le partite da giocare sono tante e le avversarie insidiose. La strada è impervia, ma noi ce la metteremo tutta. Insigne? E’ bellissimo quando gioca in coppia con Higuain. Abbiamo bisogno di un esponente del mondo napoletano e lo abbiamo trovato. Lorenzo ha il fiuto del , soprat da quando Sarri lo ha messo al posto giusto nel 4-3-3. Vogliamo fare un nuovo centro sportivo per i ”.

Con queste idee non si va da nessuna parte e purtroppo nessuno gliele sta!!!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply