ULTIM'ORA

‘Sangue’ a Napoli, due donne e le BR!

image004

L’atteso film di Pippo Delbono «Sangue», vincitore del Premio Don Chisciotte alla 66°edizione del del Film di Locarno e della Menzione d’Onore al Doclisboa , arriva a il 22 gennaio.

Accompagnato da retrospettive, eventi e incontri, il film sarà distribuito autonomamente dalla Compagnia Pippo Delbono in un circuito di sale indipendenti e attente al cinema di qualità: «Sul mio film Sangue, hanno scritto persone che non lo avevano nemmeno mai visto. standolo a priori. Perché c’è Senzani ex leader delle Brigate Rosse mai “pentito”, per loro un assassino e basta… È uscita fuori la mediocrità del nostro paese, che ha paura di vedere quella storia e preferisce non conoscerla o raccontarsela solo per quello che gli torna comodo. Il paese della menzogna. Ma questo non è un film sulle brigate rosse, è un film dove oltre a mia madre c’è un ex brigatista. E’ un film che guarda la morte per parlare della vita. E credo che parlare della morte, della della morte, è come parlare degli anni di piombo, nel nostro paese un grande tabù…»

«Sangue» è la storia di uno strano incontro: quello tra Pippo Delbono e Giovanni Senzani. Un incontro dove si incrociano le storie di due donne: la madre di Pippo, Margherita, fervente cattolica, ed Anna, la moglie di Giovanni, contraria da sempre alla lotta armata, che ha deciso di accudirlo e sostenerlo nei 23 anni di prigionia. Due donne che muoiono a pochi giorni di distanza lasciando i due uomini e indifesi, improvvisamente soli. Ed attraverso la morte si parla delle rivoluzioni, del sangue, ma soprattutto dell’amore, della vita.

Ancora in programmazione a e a o, il film arriva ora a . Dal 22 al 26 gennaio alla Sala Assoli alle ore 20.30.

Apprezzatissimo all’estero, Delbono è uscito lo scorso anno in Francia con il suo precedente film «Amore Carne», che figura nella lista dei migliori 5 film del 2013 secondo ‘Le Monde’: «Pippo Delbono è al tempo stesso un poeta e un regista che reinventa il cinema mporaneo. Il suo documentario è la prova tangibile che si può ottenere un capolavoro con un semplice telefono cellulare». Ora esce in Italia Sangue in una circuitazione indipendente per un film che, come i precedenti, è stato girato “con un telefonino e con mezzi piccoli, che mi hanno permesso, credo, di essere libero. Libero nello sguardo, e libero anche dalle gabbie produttive e distributive. E che mi hanno permesso di fare un cinema che sentivo più vicino a una ‘’. Sul mio telefonino porto sempre una frase di Gandhi che dice: ‘La vera arte nascerà quando impareremo ad amare la bellezza della ’.»

Scritto, girato e diretto da Pippo Delbono, “Sangue” è nato da un’idea di Pippo Delbono e Giovanni Senzani. E’ una coproduzione italo-svizzera, prodotto dalla Compagnia Pippo Delbono, Casa Azul Films, con la partecipazione della Cinémathèque Suisse, coprodotto da RSI Radiotelevisione svizzera, Vivo film in collaborazione con Rai Cinema, con il sostegno della Genova Liguria Film Commission e della Mediateca Ligure, e del Teatro San Carlo di .

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply