ULTIM'ORA

Il derby-paura: i rischi di Mancio, l’esordio di Pippo…

ff59fd12a09aa68c61c3836b0c80c469_169_l

di Nina Madonna – Il ritorno di Roberto sulla panchina dell’ ha portato entusiasmo all’ambiente, ma il tecnico di Jesi comincerà con e poi Roma: “Cominciare con l è affasnte, ma allo stesso tempo difficile. Nessun incontro però sarebbe stato facile”. Così come non sarà semplice rialzare l’: “Prima della tattica, sto lavorando perché i giocatori ritrovino l’entusiasmo. Obiettivi non ne pongo, ma dovremo migliorare in fretta”.

“Sto lavorando sia sulla tattica che sulla psicologia. Ho bisogno di tempo perché il momento del italiano è difficile. Comunque ci possiamo risollevare, non sono pessimista”. Ciò che il tecnico si aspetta è di ritrovare l’entusiasmo nell’ambiente nerazzurro: “Non so dire quando rivedremo un’ vincente, ma so che dobbiamo migliorare in fretta”.

Dall’altra sponda Pippo Inzaghi non fa il passo più lungo della gamba. Da allenatore è un esordiente, figuriamoci nel di o: “Con i giovani mi sono preso grandi soddisfazioni, ora vivo questa avventura al massimo ma non penso a vincere subito trofei”.
Pippo ha dribblato il andando in con la : “Barone aspetta ancora il mio passaggio? Meglio per lui, avrebbe sbagliato”.

Svia col Mondiale, emozione unica: “La prima della Gazzetta col titoto ‘ vero’, mi è rimasta nel cuore. La più bella immagine? Fabio Cannavaro che alza la coppa a ”.

Ma dell’ quando si parla?

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply