ULTIM'ORA

DeLa contro russi e sceicchi, genuflesso!

figlio-de-laurentiis-insulta-arbitro-napoli-sampdoria-770x512

di Paolo Paoletti - Ringrazio Titta Fiore, amica di vecchia data e sempreverde nel fiuto giornalistico. La ringrazio perchè l’intervista di Titta su Il Mattino mi rende possibile dare a De laurentis una risposta di una volta e per tutte.

Cos’è un business?

Il termine inglese business (pronuncia: /ˈbɪznəs/) identifica un’attività economica che ho come scopo il profitto. Appmativamente in italiano significa affari.
L’italiano e l’inglese ne danno un riferimento diverso: per noi è il fatturato, cioè il risultato di esercizio. per la visione anglosassone indica l’azienda stessa, nel suo complesso.

Ed il core business intende l’attività principale che contribuisce maggiormente alla produzione del fatturato. Ad esempio, il core business di un’azienda automobilistica è produrre automobili. Il core business di un’azienda sanitaria è assistere e curare i pazienti.

Il core business della Filmauro è fare i film, ma perchè una azienda che fa i film è proprietaria del Calcio ?
Che c’entra il cinema con il calcio?
C’entra, c’entra perchè magari con il fatturato che fa il circa 150 milioni di euro l’anno c’è profitto, insomma soldi nelle tasche di Aurelio e ci sono anche i soldi per fare i film.
“La è che in Italia non si può più lavorare, Mediaset e Rai hanno bloccato il mercato – confessa De Laurentis – Io, che pure sono considerato il numero uno dei produttori indipendenti, negli ultimi anni non sono riuscito a vendere loro un solo film”.

Ecco dichiarato spontaneamente perchè De Laurentis è passato dal cinema al calcio…!

Bisogna partire da qui: il business. Unico motivo per cui – come ha sempre sbandierato – De Laurentis ha comprato con i soldi della banca Unicredit – soldi degli italiani – la SSC . Dopo anni di vacche grasse, ora il cinepresidente è arrivato al dunque: è stato costretto a spendere 85,5 milioni ‘per competere?, è stato costretto ad uscire allo scoperto da due pesanti e sonore bocciature…gli addii di Mazzarri e Cavani. Il r ha fatto la fortuna del , senza i soldi degli Sceicchi De Laurentis non avrebbe mai speso tanto al mercato. Il tecnico ha svelato che dopo anni di tira e molla sugli acquisti di questo presidente non c’è da fidarsi.

De Laurentis ora accusa…”Gli oligarchi russi e gli arabi si sono inventati modalità apparentemente corrette, in realtà scorrettissime, per finanziare a dismisura i propri club. Il Chelsea, il Manchester City e il Paris Saint Germain per loro sono dei giocattolini”.
Probabilmente le stesse modalità che lui usa col per finanziare la controllante Filmauro. Certamente è andata così nei primi 3 anni quando per effetto di un concordato fiscale le tasse del pagavano i corrispettivi del gruppo. Quindi anche del suo cinema.
Da già tempo De Laurentis acusa le big… a Real Madrid e diede dei cafoni per i soldi spesi. Poi è stato proprio lui a volere una clausola di 64 milioni di euro per vendere Cavani, dopo averne accettati 55 dallo Zenit di Spalletti, rifiutato da Edison.
Quindi pecunia non olet, nelle borgate romane dove è cresciuto Aurelio tutti lo sanno e ne fanno un comandamento da sempre a Torre Annunziata, dove ha avuto origine la scalata di Dino, produttore vero e zio inascoltato.
Ora perchè De Laurentis dice male di chi vorrebbe avere partner in un fantomatico Campionato Europeo tipo play station?
Semplicemente perchè il business fin qui fatto non gli basta più. Perchè gli interessano solo i soldi. Perchè anche i soldi nonh gli bastano più, mirando al potere.

Qui casca l’asino. Se stiamo al business, tutto legittimo purchè nella legge.
Se il potere di un ente privato di enorme interesse pubblico come è il gli consente di addossare ai napoletani 2,5 miliardi di costo di gestione del San Paolo per uso personale e gratuito, no!
Così non può essere, non deve essere, qualcuno deve risponderne.

La storia dello o, copre ben altro. De Laurentis con il e dal vuole ciò che gli Sceicchi ed i Russi hanno…poter decidere le sorti di un settore, terza industria italiana: il calcio.
Ma nonostante Agnelli, , , , James e Thohir, il calcio resterà sempre dei .Degli italiani. Proprio come il è dei napoelatni.

De laurentis se lo ficchi bene in testa e pensi a vincere scudetti e Coppe Europee come e più di quanto è accaduto con Maradona e Allodi. Solo allora le sue parole, cominceranno ad avere senso!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply