ULTIM'ORA

Ore 14.25, Letta si è dimesso: nel Pd ultima strage di San Valentino!

ORE DECISIVE PER IL GOVERNO, GIOVEDI' SHOW DOWN LETTA-RENZI

Ansa – Ore 14.25, di venerdi 14 febbraio: Enrico Letta si è dimesso da Premier!
Il giorno di San Valentino ricorda tanti reamenti di conti, l’ultimo è quello consumato tra le ‘macerie’ del Pd.
Il presidente del consiglio Enrico Letta è salito al Quirinale e si è dimesso.

Il Partito democratico lo aveva sfiduciato: 136 voti a favore, 16 voti contrari e 2 astenuti. Sì di Cuperlo, no di Civati. La Direzione del Pd ieri ha approvato il documento del Segretario che chiedeva una ‘fase nuova, con un nuovo esecutivo’.

Un voto che abbraccia “l’ambizione smisurata” di Matteo Renzi e lo lancia verso la guida di un governo ‘nuovo’. Con l’obiettivo di un “cambiamento radicale” e l’orizzonte del 2018. Renzi ha dalla sua la grande maggioranza della direzione Dem.
Letta, che del Pd è stato vicesegretario, assiste da Palazzo Chigi al voto che dichiara chiusa la stagione del suo esecutivo. E ne prende atto.

Oggi, dopo un ultimo Consiglio dei ministri, rassegnerà le nelle mani del capo dello Stato.
In una giornata ad alta tensione, fino all’ultimo la ‘diplomazia’ Dem ha provato a convincere Letta a farsi da parte ed evitare al Pd il rito di un voto di ‘sfiducia’.

In mattinata a Palazzo Chigi si presentano il portavoce della segreteria Lorenzo Guerini e i capigruppo Roberto Speranza e Luigi Zanda.
Il Pd smentisce che a Letta venga offerto il Ministero dell’Economia, in un governo che abbracci il suo programma Impegno Italia.

Il Premier ha tenuto il punto: impone che a viso aperto Renzi dichiari di voler prendere il suo posto. Pretende che il Pd si pronunci con un voto che arriva a larga maggioranza per Renzi.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply