ULTIM'ORA

Furbetti plusvalenze: Covisoc e Procure… dove eravate?

agnelli.delaurentiis.2020.2021.combo.460x340

di na Collina – Dieci ore in Procura per Federico Cherubini, dirigente della , ascoltato da magistrati e ufficiali della Guardia di Finanza in veste di persona informata sui fatti nell’ambito del caso plusvalenze e di tutto quello che riguarda l’indagine Prisma.

Cherubini è stato il primo e non sarà l’ultimo, tra e procuratori, a essere convocato dalle autorità competenti.

Secondo il Messo, la Procura della Feder ha aperto un fascicolo per 62 operazioni sospette, di cui 42 coinvolgono la .

Sempre secondo il quotidiano no… “Oltre a quella di , dovrebbe scendere in campo la procura di per Osimhen, valutato 70 milioni di euro con 4 giocatori inseriti nell’affare con il Lille. Ai francesi andarono il portiere Karnezis e i tre Primavera Manzi, Palmieri e Liguori, ‘quotati’ una ventina di milioni. Peccato che uno non abbia mai giocato e gli altri siano tornati in Italia, a vivacchiare tra C e D.

La sensazione è che sia arrivato il momento di far pagare l’andazzo a tutti noto senza che nessuno mettesse argine. A cominciare dalla Figc che solo adesso sta lavorando a modifiche regolamentari che non consentano più ai club di sfruttare le plusvalenze”.

IL passato però dovrà in qualche modo essere sanzionato!

Il vaso di Pandora è stato scoperchiato e il ciclone ha travolto la , per allargarsi e spostarsi colpendo l’a Serie A. L’allarme tardivo (al punto da essere ridicolo) della Covisoc (e di rimando anche dalla ) è devastante perché il fenomeno delle plusvalenze a tutti noto e che per adesso ha pagato solo il piccolo , DEVE mandare all’aria l’o sistema in Italia.

ALLARME. All’Ansa alcuni rappresentanti della Covisoc hanno spiegato che il problema è esploso per la , ma l’indagine è partita dal 2020 e non riguarda solo i bianconeri. ”Il fenomeno delle plusvalenze incrociate può mettere in grave crisi i club che lo adottano e intaccare il sistema in Italia. Si creano effetti sugli utili a sostegno del patrimonio, senza liquidità. La vicenda non riguarda solo la  e la Covisoc l’ha individuata dall’autunno 2020 per decine di operazioni, segnalando il tutto alla Procura federale che qualche settimana fa ha aperto un’ inchiesta. Subito dopo sono arrivate le richieste di chiarimenti dalla ”.

RICAVI TRUCCATI Il fenomeno delle Plusvalenze per sistemare i bilanci non è un espediente del 2020, ma ha origini lontane con due picchi negli ultimi 7 anni. Il primo è stato registrato nel 2016-17, il secondo nel 2019-20 l’ultimo pre Covid che ha ovviamente stoppato questi movimenti data la mancanza di liquidità legata agli effetti negativi dell’emergenza sanitaria. Di fatto l’anomalia nei bilanci dei club è passato da un 16% al 24% dei ricavi societari.

PLUSVALENZE VERE. In media un quarto del fatturato delle società è rappresentato da soldi che spesso non sono veri e non si tramutano in liquidità.

Va chiarito, però, che queste operazioni non sono tutte “fittizie” o “a saldo zero”. Non tutte le plusvalenze sono negative perché ci sono anche incassi reali delle società. Accade sopratutto quando i club sono in bolletta: è il caso di Hakimi per l’ o di Kean per la ai tempi del passaggio all’Everton. Ma anche operazioni di fascia media e bassa come Tomyiasu dal Bologna all’Arsenal o di Marlon dal Sassuolo allo Shakhtar.

Queste, plusvalenze positive perché portano incassi reali. Le altre che ‘generano valore’ senza movimento di denaro, alla lunga sono diventate dannose e finalmente oggetto dell’inchiesta che squarcerà il !

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply