ULTIM'ORA

Pippo respira, Silvio a caccia di soldi e tecnico.

milan.berlusconi.menez.visita.milanello.2014.2015.538x358

di Nina Madonna - -Cesena, 2-0: respira Pippo, fino alla prossima sconfitta…
“Siamo nti ma non abbiamo fatto nulla, dobbiamo dare continuità ai risultati. Oggi usciamo con fiducia, dobbiamo vincere due o tre gare di fila. Con questa voglia e il recupero di giocatori importanti si potrà fare”.
Il è fuori da , lontano dall’Europa, a caccia di per lo e i debiti di .
Cinesi, indonesiani, arabi, eccetera sono dietro l’ano: come si fa a vivere tranquilli?
“So della stima che ho, cerco di mettermi al servizio della squadra. Il presidente non mi dà stoccatine, forse è anche troppo bravo con me”.
vuole un a 3 punte, Pippo 3 centrocampisti. La squadra è andata in confusione. Com’è questo
“Fino al primo gennaio abbiamo giocato con tre centrocampisti, poi ho perso Montolivo e de Jong e abbiamo dovuto inventare altro. Un po’ di certezze in più oggi credo abbiano aiutato la squadra”.
Al centro del ndere c’è Bonaventura, oggi match-winner fino al rigore di Pazzini… “E’ un giocatore che qualsiasi allenatore vorrebbe, oggi è stato molto bravo in questo ruolo. Siamo tornati a giocare con tre centrocampisti e tre attaccanti, per avere più equio. Pensavo che Jack potesse fare bene il trequartista ed è stato così. Quando stavamo soffrendo l’ho messo quarto a sinistra”.
Pazzini quando entra, fa quasi sempre ma continua a restare in panchina. “Con Giampaolo sono stato molto chiaro a gennaio quando abbiamo preso Destro. Sa che ha la mia stima, si allena bene, è stato molto bravo. Il nostro rap è schietto e chiaro, c’è stima reciproca”.
Eccolo Destro, ancora un pesce fuor d’acqua.
“Si allena molto bene, deve probabilmente capire i nostri meccanismi. Oggi si è dato da fare, potevo anche lasciarlo in campo perché stava facendo una buona partita. Lasciamolo sereno, che lavori con lo spirito che ha tutti i giorni”.
Cerci e Honda sono scivolati ai margini: “Cerci può benissimo fare la seconda punta, il trequartista è il ruolo naturale di Honda. Avere cambi così importanti è bello. Oggi Cerci ha preso la punizione del rigore”.
Morale: “Oggi dovevamo cercare di trovare un po’ del nostro gioco, e siamo molto felici per la vittoria. Ora serve continuità, ma ci teniamo questi tre punti arrivati anche con una buona prestazione. Sabato col Chievo Verona sarà un’altra gara bella tosta”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply