ULTIM'ORA

Piccolo Napoli, grande Roma: 2-4, notte da Cronin!

C_29_articolo_1200717_upiImgLancioOriz

di Paolo Paoletti - Prima o poi doveva accadere: Napoli-Roma 2-4, una notte che Napoli ricorderà a lungo e su cui Sarri deve molto riflettere!

Grande Roma senza strafare, piccolo Napoli vittima dei suoi errori: da , il migliore degli azzurri, a tutta la difesa che come lo scorso anno, in un sol colpo, ha perso tutta la baldanza della stagione.
Mario Rui su primo e quarto , Albiol sul raddoppio di Dzeko, un po’ tutti nel secondo del bosniaco, bellissimo quanto favorito dalla mollezza con cui i difensori si sono mossi consentendo al centravanti giallorosso di pare, porsela sul sinistro e tirare a giro sul secondo palo!

avrebbe potuto riaprire il risultato ma Allison due volte nella stessa azione, ha detto no.
Per il resto poco: solito tran-tran iniziale con vantaggio fulminea e pareggio in 60 secondi.
Già questo schiaffo lasciava il Napoli perplesso. Il di testa di Dzeko, mandava in confusione tutta la squadra.

Bisogna quindi dedurre – al di là della statistica – che questo Napoli si regge sul filo del risultato.
Vero che ha recuperato 7 volte su 8 – adesso 7 su 9 – lo svantaggio ma contro una squadra organizzata in difesa, fisica, tenace, anche se niente di eccezionale, non è stato capace di riprendere il filo del discorso tecnico con errori di palleggio da schiaffi, poca insisività nei 30 metri, Zielinsky appannato, Mertens e Callejon a leggere il romanzo più famoso di Cronin…

Se le stelle stanno a guardare (‘The Ss Look Down’ romanzo di Archibald Joseph Cronin pubblicato per la prima volta nel 1935)… o non sono stelle, oppure è stata una notte senza luce.
In effetti, Sarri dovrà andare alla verifica di questo dubbio, ben sapendo che se Dybala segna un del inventato all’Olimpico dopo una gara da schiaffi e il Napoli a seguire ne becca 4 da una Roma allo sbando, la cosa non è del fortuita.

Il Napoli aveva vinto tutte le ultime 10 partite di campionato realizzando 25 , 2.5 di media. E aveva vinto 10 delle prime 13 gare casalinghe in questo campionato.
La Roma ha perso solo 1 delle ultime 20 trasferte in Serie A: nel parziale giallorosso 15 vittorie e 4 pari.

Il 14 , la ancora sotto di 1 punto recupererà la gara con l’Atalanta, brutto cliente.
Ma potrebbe essere il giorno del sorpasso, nonostante le fatiche e gli umori dopo Wembley con il Tottenham.
Vediamo!

NOTE DI CRONACA. Il Napoli crolla 4-2 in casa contro la Roma e conserva 1 punto di vantaggio sulla (con una gara in meno). Al , illude già al 6′; rimonta giallorossa con Under (7′) e Dzeko (26′). Nella ripresa arriva il tris del bosniaco al 73′, prima del 4-1 firmato Perotti al 79′.
Mertens accorcia al 92′. La Roma sale al 3° posto, a +1 sulla Lazio.

TABELLINO. NAPOLI-ROMA 2-4
Napoli (4-3-3): Reina 5; Hysaj 5, Albiol 4, Koulibaly 4.5, Mario Rui 3; Allan 5, Jorginho 6 (75′ Milik sv), Zielinski 5 (65′ ); Callejon 5, Mertens 6, 6,5.
A disposizione: Sepe, Rafael, Milic, Maggio, Tonelli, Rog, Diawara, Ounas, Machach.
Allenatore: Sarri 5

Roma (4-3-3): Alisson 7; Florenzi 6,5, Manolas 6, Fazio 5, Kolarov 6; Strootman 5,5, De 6 (88′ El Shaarawy sv), Naingan 5; Under 6 (72′ Gerson sv), Dzeko 7, Perotti 5 (80′ Pellegrini sv).
A disposizione: Skoruspki, Lobont, Jesus, Capradossi, Peres, Silva, Gonalons, Defrel, Schick.
Allenatore: Di Francesco 7

Arbitro: Massa 6
Marcatori: 6′ (N), 7′ Under (R), 26′ e 73′ Dzeko, 79′ Perotti, 92′ Mertens.
Ammoniti: Mertens; Fazio, Dzeko.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply