ULTIM'ORA

Pericolo Vanity: Silvio e Pascale, attacco contro gli adolescenti!

Cover-Vanity-Fair-n-39-del-2013-Pascale-e-Berlusco_980x571

di Paolo Paoletti – “Ero minorenne quando mi sono messa in testa di arrivare a lui”. Parla la 28enne Francesca Pascale, che a Vanity Fair racconta la storia del fidanzamento con Silvio , 77 anni il pmo 29 settembre.

Mia figlia Serena dopo una settimana di Summer School alla Luiss questa estate, mi ha chiesto l’abbonamento a Vanity Fair perchè i test d’ingresso universitari danno ampio spazio all’attualità.
Mi chiedo leggendo questa vista alla Pascale, che idea della vita può farsi mia figlia come tante altre diciassettenni?

Niente bacchettonismo, tantomeno falsi moralismi o richiami alla deontologia che fu del giornalismo: il punto è che viste come queste divulgano reali e quindi pericolosi modelli della nostra società. Uno schifo!

Possibile che una adolescente debba leggere che da minorenni bisogna puntare il ricco da spennare?
Può passare che esista amore con 50 anni di differenza?
A qualcuno che si scambia da giornalismo a giornalaio, può venire in mente almeno di non mettere queste vergogne in copertina?

Proprio Silvio ‘svela’ a Vanity Fair la natura della relazione…”in tutte le situazioni più dolorose degli ultimi anni, Francesca ha saputo starmi vicino. Mi ha regalato gioia, senza chiedere nulla in cambio. Mi ha ridato la voglia di credere nell’amore sincero di una donna”.
Vanity avrebbe fatto bene – giornalisticamente parlando – a far commentare queste dichiarazioni a Veronica .

Il racconto della Pascale parte, invece, dalla milizia in , il primo incontro con : “ho subito domandato se potevo lasciargli il numero di telefono. Gli ho anche chiesto il suo. Lui disse… Ma sei spietata. Era il 5 ottobre 2006″.

L’inseguimento è durato 7 anni!

Meno male che almeno i genitori – famiglia napoletana – obiettarono… “lo ammiriamo, ma potrebbe essere tuo padre”.

Pascale dettaglia…”La scelta di stargli comunque accanto (magari addosso), negli anni delle discusse frequentazioni femminili, non è stato facile per me. A quelle cene non ci andavo, perché non mi sarei tenuta”.
Poi il fidanzamento a 2011. “Prima mi limitavo a stargli vicino, a condividerlo, a mandare giù rospi, ma il mio amore mi ha portato all’esclusività e alla felicità di oggi”.

Il piano-Pascale si compie con la separazione da Veronica : “L’ho cercato, l’ho corteggiato, l’ho fatto innamorare e l’ho fatto fidanzare. Praticamente ho fatto e faccio tutto io: lui deve solo dire di sì”.

Complimenti Gabriella.
Io per mia figlia Serena, cambierò giornale!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply