ULTIM'ORA

Ogbonna contro Mancini: in Nazionale non c’è meritocrazia!

990c8919726eb07feb5e7021ba11aae0-40835-95723157c8ebcac4750156d2b21ac04e

di Giglio - Dai 28 di Mancini è rimasto fuori Angelo Ogbonna, che l’ha presa malissimo. Ed attacca il Cittì: non c’è meritocrazia!

Al , il difensore del West Ham ha stato apertamente la scelta di Mancini accusandolo anche di averlo ignorato completamente o quasi, sia per le qualificazioni che per le amichevoli: “Sono molto stupito e anche amareggiato, forse non ha tenuto in considerazione il campionato del West Ham”.

Ricorda la stagione… “Aiamo lottato fino all’ultimo per la qualificazione in League con il Chelsea di Jorginho e Palmieri, che è arrivato più in alto ma noi aiamo dimostrato di non essere una squadra qualunque”

Ogbonna Juve e   in questa stagione è diventato il quarto italiano di sempre per presenze in er (163) e non si spiega la sua esclusione: “Nello la meritocrazia dovree prere, in base al campionato in cui uno gioca, alle statistiche, al valore del giocatore. E stavolta secondo me non ha prevalso”.

“Senza duio è stata la mia stagione migliore: dopo i 30 anni un difensore entra nella piena e legge la partita diversamente” ha spiega Ogbonna, la cui ultima convocazione in azzurro però risale allo scorso ottobre per l’amichevole contro la Moldavia (in panchina per 90 minuti).

Avree dovuto capire… ma è anche vero che uno staff tecnico, sopratutto in Nazionale, dovree essere molto chiaro sia con i calciatori, sia pulicamente fugando ogni duio che esternato non può che far male all’immagine della Nazionale.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply