ULTIM'ORA

Napoli basta, non merita il 3° posto! Grande Toni.

verona-napoli-2-0-toni-troppo-forte-per-questo-napoli

di Paolo Paoletti - Sconfitta, pareggio, sconfitta: 1 punto in 3 partite, sono la tomba della corsa del Napoli alla .
Quattro sconfitte nelle ultime 11 gare, sono la pochezza della rosa azzurra che in concomitanza delle Coppe fa emergere tutti gli errori di e Bigon.
ha le sue enormi colpe, come si fa a non schierare Higuain dopo 3 reti alla Dinamo Mosca? La sua sola presenza avrebbe preoccupato l’avversario.
E Gabbiadini che ci fa in panchina se entra e al primo pallone colpisce il palo?
Napoli impresentabile per come si è presentato al Bentegodi: un per tempo nei primi 7 minuti, ma la testa dov’è?
Come si può pensare di essere una grande se si sbaglia costantemente l’approccio alle partite?

C’è una sola spiegazione: non sa motivare una squadra che non crede giustamente al campionato. Chi meglio dei giocatori sa quale è l’effettivo valore di questo Napoli?

Oggi a Verona Mesto, Britos, Hamsik si sono visti la partita. Smettimola di vivere di ricordi: Hamsik fa ridere, è il giocatore più sostituito del campionato non può essere un capitano. Gente come Mesto non è da squadra europea. Britos andasse a coltivare i cocozzielli come diceva il mio caro amico Giuseppe Pao. Uno che sapeva di calcio e sopratutto di buon senso.

Proprio quello che non ha: come bisogna dirgli che deve giocare la migliore formazione possibile, sempre e comunque ammettendo che gli possono fare solo tapezzeria?
Toni a 38 anni ha fatto 13 , gli stessi di Higuain: dice qualcosa?

Basta con l’esaltazione di vittorie contro squadrette: Sala e Pelsuo, Gomez e Jankovic hanno fatto vedere come si fa sugli esterni. Callejon invece è andato a fare il terzino !
Hallfredsson è sembrato un gigante, Obbadi e Tachtsidis invalicabili…
Con una linea di 4, una di 5, Mandorlini ha chiuso tutto e Tony ha riaperto l’orizzonte del Verona.

Il Napoli non ha convinzione nell’impostazione del gioco La fase difensiva . sempre sotto accusa – riguarda tutta la squadra a cominciare da Zapata. La verità è che manca forza mentale e carattere: senza personalità si fanno solo figuracce.
Dopo 20′ si era capito tutto: dice bene Boban, la discontinuità del Napoli è già un falento!!!

Ed ora vediamo cosa faranno Roma, e Fiorentina…

NOTE. Verona-Napoli 2-0. Nel segno di uno strepitoso Luca Toni che demolisce la difesa del Napoli con due : al 7′ del pt e al 6′ della ripresa, due pezzi di bravura. Vittoria forte, meritata di un Verona che vola a metà classifica, mentre il Napoli vede il suo terzo posto a rischio: 1 punto nelle ultime 3 gare. Higuain in panchina per 67′. Gabbiadini-palo all’88′. All’89′ espulso Sala e convulso finale: ben 10 ammoniti.

TABELLINO. VERONA-NAPOLI 2-0
Verona (4-3-3): Benussi; Sala, Rodriguez, Moras, Pisano; Obbadi (26′ st Christodoulopoulos), Tachtsidis, Hallfredsson; Gomez (21′ st Greco), Toni, Jankovic (39′ st Martic). A disp. lini, Rel, Brivio, Agostini, Marques, Campanharo, Fernandihno, Saviola, Nico Lopez. All. Mandorlini
Napoli (4-2-3-1): Andujar; Mesto (22′ st Higuain), Albiol, Britos, Ghoulam; Lopez, Inler; De Guzman (16′ st Callejon), Hamsik (37′ st Gabbiadini), Mertens; Zapata. A disp: Rel, Colombo, Maggio, Luperto, , Zuniga, Insigne. All.
: Banti
Marcatori: 7′ pt Toni (V), 6′ st Toni (V)
Ammoniti: Sala, Gomez, Obbadi, Tachtsidis, Chrstodoulopoulos, Toni (V), Ghoulam, Mesto, Albiol, Gabbiadini, Britos (N)
Espulsi: 44′ st Sala (V) per doppia ammonizione

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply