ULTIM'ORA

Mujahid assicura: “mai più guerre, diritti alle donne, stop con oppio e terrorismo!” Chi ci crede…?

Talebani, abbiamo liberato l'Afghanistan dopo 20 anni

ANSA - ”Questo è un momento di orgoglio per l’intera nazione”: dice Zabihullah Mujahid  il portavoce dei talebani nella prima conferenza del movimento a Kabul. “Dopo 20 anni di lotte aiamo liberato l’Afghanistan ed espulso gli st”, davanti alle telecamere.

“Vogliamo assicurarci che l’Afghanistan non sia più un campo di battaglia.  Aiamo perdonato tutti coloro che hanno combattuto contro di noi. Le animosità sono finite. Non vogliamo nemici esterni o interni”, assicura.

Sulle condizioni che la comunità inter attende dai talebani al governo dell’Afghanistan, Mujahid ha detto: “l’Afghanistan non sarà più un centro per la coltivazione del papavero da oppio o per il della droga.  Aggiungendo che il nuovo governo avrà bisogno del sostegno inter per promuovere un’alternativa alla coltivazione del papavero”.

E rispondendo ad una domanda sul rischio che l’Afghanistan dia asilo a ‘foreign fighters’ o ai terroristi di Al  Qaida … “Il suolo afghano non sarà utilizzato contro nessuno, possiamo assicurarlo”.

“Ci impegniamo per i diritti delle donne all’interno della Sharia. Lavoreranno fianco a fianco con noi. Non ci saranno discriminazioni”.  “Nessuno sarà danneggiato, non vogliamo avere problemi con la comunità inter”. “Aiamo il diritto di agire secondo i nostri principi religiosi. Altri Paesi hanno approcci e reamenti diversi, e gli afghani hanno il diritto di avere le proprie in accordo con i nostri valori”.

I talebani promettono un’amnistia e invitano le donne ad entrare al governo, “ma secondo le della Sharia”, la legge islamica. Lo dice, citato dalla Associated Press, Enamullah Samangani, membro della commissione Cultura degli insorti, in una delle prime indicazioni su come i talebani, vittoriosi sul piano milie, intendano governare l’Afghanistan. Un’affermazione che sembra voler indicare una svolta moderata degli ‘studenti islamici’, un tempo autori di lapidazioni di donne, mutini e esecuzioni in piazza, ma che viene accolta con scetticismo da molti afghani ed osservatori internazionali. “L’Emirato Islamico non vuole che le donne siano vittime – ha affermato Samangani -. Dovreero far parte del governo, secondo i dettami della Sharia”, ma non ha chiarito cosa ciò significhi. “Tutte le parti dovreero unirsi” al futuro governo, ha aggiunto. Ha poi evocato un’amnistia, ma anche in questo caso senza chiarire chi ne beneficeree: alcune fonti a Kabul dicono che i combattenti islamici hanno già stilato liste di afghani che hanno cooperato con le forze straniere e per questo ricercati.

Uno dei portavoce dei talebani, Suhail Shaheen, ha dichiarato a Sky News che le donne afghane potranno accedere all’istruzione, compresa l’università, sotto il dominio dei talebani, aggiungendo che le donne dovranno indossare l’hijab ma non il burka. Suhail Shaheen ha affermato inoltre che “migliaia” di scuole continuano a funzionare. Il gruppo ha già annunciato una “amnistia generale” in Afghanistan e rassicurato coloro che avevano lavorato con il precedente governo: “Le loro proprietà saranno salvate e il loro onore e le loro vite saranno al sicuro”.

La dezione guidata dal mullah Abdul Ghani Baradar è arrivata a Kandahar: lo ha reso noto il portavoce dell’ufficio politico dei talebani, Muhammad Naeem. Baradar, capo politico dei negoziatori talebani a Doha e co-fondatore del movimento con il mullah Omar, è rientrato in Afghanistan con una dezione per discutere con gli altri leader del nuovo governo.

Dopo i due uomini precipitati nel vuoto dopo essersi aggrappati ad un aereo in decollo dall’aeroporto di Kabul, il Washington Post dà notizia di una nuova vittima della fuga disperata di molti civili afghani: il cadavere di un uomo è stato trovato nel vano carrelli di un aereo da trasporto americano C-17. Due fonti hanno detto al giornale che il corpo incastrato tra i carrelli ha temporaneamente reso inutilizzabile l’aereo. Si tratta dello stesso modello di velivolo sul quale sono saliti circa 640 civili afghani – ben oltre la reare capienza – trasferiti in Qa, la cui foto ha fatto il giro del mondo.

La Farnesina rende noto che l’Ambasciata d’ a Kabul, guidata da Vittorio Sandalli, dopo il rientro ieri in dall’Afghanistan, si è immediatamente ricostituita presso il Ministero degli Esteri, al pari delle altre rappresentanza diplomatiche europee ridislocate in Patria, ed è già operativa. In stretto coordinamento con i partner , monitora la situazione sul terreno anche in vista della riunione dei Ministri degli Esteri Ue di oggi. Inoltre, continua ad essere operativo un presidio diplomatico no presso l’aeroporto di Kabul, in stretto coordinamento con la catena milie na e inter.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply