ULTIM'ORA

Mr Tod’s punta Rcs e Viola: anti-Sistema!

++ Rcs:Della Valle,ad inadeguato,affidare delega a Cairo ++

di Chiara Benigni - Diego rilancia il progetto o. “Con il vicesindaco Dario Nardella ci stanno lavorando, è un progetto o ma anche con tanti servizi per la città, una cosa innovativa”.. um? Non parliamo mai di ‘modello ’. Se c’è un modello è quello del Bayern… “.
Quindi insiste sui bianconeri: “Hanno un budget tre volte il nostro, ci basterebbe il doppio e saremmo uguali”.

Ospite di ‘Faccia a Faccia’ con Giovanni Minoli, punta il dito sul ‘Sistema Italia’ marcio e cronicizzato dai poteri forti.
Da tempo Mr Tod’s tiene gli sotto scacco: azionista all’8,99% di , sta valutando un’azione di responsabilità nei confronti dell’amministratore deto Pietro Scott Jovane.
Lo rivela a Radio 24, precisando che non deriverebbe dalla ‘svendita’ della sede storica in via Solferino, ma “su tre o quattro cose… stiamo valutando”.
Rispondendo a Giovanni Minoli che lo incalza, dice: “non posso rispondere ora, anche se ho un’idea precisissima in merito”.

Il presidente della Tod’s sostiene che all’interno di non ha alleati ma rapporti di stima con alcuni. Su Giovanni Bazoli spiega: “contava molto, oggi conta molto poco. Credo che Bazoli identifichi un mondo che se ne deve andare e mi auguro che Renzi lo faccia subito: Renzi deve fare piazza pulita ed è un’operazione che va fatta in tutto il sistema, tutto insieme”.

Il Sistema, in questo caso, intreccia: politica, industria, media, … tutti i centri di potere in cui per decenni la Famiglia ha fatto il bello e cattivo tempo con , e Stampa, e l’orientamento dei sindacati e della sinistra.
Ora forte anche dell’avvento del neo Matteo Renzi, fiorentino e so viola, lancia l’affondo al Sistema Italia, puntando il Corriere della Sera e .

Mister Tod’s di fatto solleva l’amministratore deto Pietro Scott Jovane… “è assolutamente inadeguato, bisognerebbe affidare la de per la gestione dell’azienda a un editore puro come Urbano Cairo. Oggi il problema di è che non c’è un azionariato che si prenda delle responsabilità e un Cda che non decide e non si assume rischi. è un’azienda che va rifondata. All’interno c’è un editore puro che è Cairo e sono dell’idea che, se se la sente, deve gestirla”.

Sul direttore del Corriere della Sera Ferruccio de Bortoli, dice: “Ferruccio facesse il giornale che vuole, tirasse fuori il coraggio che serve, secondo me starebbe in pace con la sua coscienza. Prenda il coraggio di fare il giornale e vada tranquillo”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply