ULTIM'ORA

Morto il Milan se ne fa un’altro: venduto per 740mln!

berlusconi.milan.logo.DARINGTODO.2015.2016.750x450

di Nina Madonna - Morto un closing, se n’è fatto un altro. Silvio non è più il proprietario del : alla ne hanno prevalso la stanchezza, la salute, l’opportunità. Argomenti che hanno indotto a un passo mai veramente metabolizzato, mai veramente desiderato. E’ stato un atto imposto dai tempi, dalle pressioni, inevitabile dopo quello che ha rappresentato ma che da anni non aveva più forza né volontà per emulare. Un passaggio di mano necessario, per quanto accompagnato da dui e misteri che potranno essere dissipati soltanto dalla nuova gestione. Di cui si sa poco e in cui si spera molto.

Resterà dell’epopea una collezione di trion difcilmente eguagliabile, passerà alla storia come la più rivoluzionaria e vincente di sempre per mentalità, strategie, costanza che si sono spente sotto il peso dell’età, di incalzanti impegni diversi. Il declino siologico poteva e doveva essere gestito diversamente, all’altezza della grandeur vissuta: bastava cambiare comunicazione e losoa, percorrendo davvero la strada – soltanto reclamizzata – dei , degli italiani, del ridimensionamento mirato a una rinascita graduale. Invece il crollo è stato sancito da slogan anacronistici, da scelte falentari, da campagne acquisti miserabili farcite da passaggi demenziali, da un’arroganza innibile e sprezzante nei confronti dei e persino di qualche consanguineo come Leonardo, , Inzaghi, Brocchi e prima ancora Maldini, Pirlo, Ambrosini. Non è stato un declino, è stata la disgregazione di un modello che ha nito con il travolgere la qualità della squadra spazzandone via identità e risultati. parla di impossibilità di tenere il passo nanziario dei nuovi padroni del grande , un’ultima piccola grande bugia del 188esimo uomo più ricco del mondo il quale per primo sa e sostiene come i soldi non siamo l’unico requisito per vincere. E comunque questa risorsa davvero non gli è mai mancata. L’esperienza orientale dei vicini di casa nerazzurri non autorizza euforie o sogni ilitati: contrariamente ai nuovi più importanti investitori sbarcati nel europeo, i cinesi non sono preparati sull’argomento, non hanno uomini e staff di loro ducia da insediare per la gestione, non hanno idee chiarissime su come mantenere il valore del brand appetibile senza un piano sportivo credibile e ambizioso. Diamogli tempo. Ne è stato perduto così tanto in casa rossonera durante il lungo tramonto, che non sarà una nuova alba a destare inquietudine. Purché rinascano presto i giorni del .

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply