ULTIM'ORA

Montella, il nuovo in un calcio vecchio!

FOOTBALL: MONTELLA NEW MANAGER FIORENTINA

di Chiara Benigni - Al Supercorso allenatori di Coverciano insegnano i fondamenti della tattica: dal 4-4-2 di Arrigo Sacchi al 3-5-2 con cui Bilardo – molto prima di e poi – vinse i in Messico 1986, fino al 4-3-3 zemaniano inventato però da Ernst Happel al Feyenoord con cui vinse la Coppa dei 1969-1970.

Vincenzino ha ribaltato ogni canone, sempre un passo in avanti rispetto a tanti suoi colleghi e grazie ad una rosa adattabile a svariate esigenze. Sostenuto dal coraggio dei risultati, base di ogni tattica, la sua non ha un modulo fisso. Capire come imposta i Viola è quasi impossibile…
Parte con un ’11′ disposto in una certa maniera, dopo un quarto d’ora cambia spostando gli esterni su o giù sulle fasce, un trequartista diventa no, un centravanti svaria da destra a sinistra su tutto il fronte offensivo!
Questa è l’attuale , 10 punti in 4 partite grazie alle invenzioni dell’arbitro Massa.
Ovviamente serve grande capacità di adattamento di chi gioca e dirigenti che non mettano pressioni al tecnico.

Sull’adattabilità dei giocatori ha vita facile… si sente ancora calciatore, ogni giorno nello spogliatoio è prima compagno di squadra ma allo stesso tempo chi detta le regole. Sulla società è il primo collaboratore di ogni scelta: , e Federazione: cristallino nel lavoro tecnico quotidiano, dente verso il suo staff che lo ripaga con la valorizzazione di una rosa che fa gruppo esaltandosi nendo assenze e avversità.

Questo è Vincenzo , questa è la seconda in classifica: dopo aver ceduto Jovetic e Lijaic, preso Gomez e Pepito , rivoluzionato un club non solo una squadra in appena 2 anni.
Complimenti!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply