ULTIM'ORA

Millesima Special, vince la Roma all’ultimo assalto!

BIG-Mourinho-e-Abraham

di Paolo Jr Paoletti - Appassionante, coinvolgente, a tratti da spot del calcio… Ha vinto Mourinho ma Dionisi non  ha perso. Ottimo Sassuolo, sora la che va ad una prima in classica a 9 punti alla pari di Napoli e Milan.

Partita struggente, Millesima di Special One, vinta in ‘zona cesarini’ ma anche pareggiata dal Sassuolo all’ultimo respiro. Una gara Special come Mou, la sua corsa sotto la al 2-1 di El Sharawy.

Chiunque avesse vinto l’avrebbe meritata, qualcuno lassù ha voluto che andasse così, perchè il ha bisogno di serata come questa per riavvire la gente oltre il ritorno dei negli .  E personaggi come Mourinho sono una manna. E’ un Mou diverso, pacato, disponibile, perno altruista quando lascia la scena a Dionisi incensandolo per quanto il Sassuolo aveva fatto vedere all’Olimpico.

La è prima, ma siamo appena all’inizio come è appena abbozzato il lav del tecnico portoghese che però ha giù ssatop punti fermi: gioco veloce, difesa alta, terzini altissimi, attaccanti ìche devonop cercare sempre lo spazio come e Zaniolo che sanno attaccare ma devono anche difendere. Il marchio Special accompagna i giallssi ed i Friedkin in questo inizio. La squadra è da completare, da amalgamare, da mentalizzare. La ha sbagliato troppi , Rui Patrizio ne ha salvati almeno tre, due palio potevano alzare lo score.

Alla ne resta il 2-1, che resiste al 2-2 di Scamacca segnato il leggero fuorigioco. Se esiste il Dio del Calcio, ci ha messo del suo.

Poi bisogna dire la verità del campo: gara difcilissima per la , veloce, sicamente troppo impegnativa, dove per tutti lo sforzo è stato pagato al punto che poteva accadere ogni cosa in ogni azione. Il pubblico ha accompagnato e sostenuto le difcoltà dei giallssi. El Sharawy ha trovato la giocata vincente. Cristante  deve velocizzare la propria azione, Veretout è inamovibile, e Mikitarian sono le chiavi del gioco d’attacco, davanti Mou ha diverse soluzioni ma Abraham è il riferimento.

Un portiere adesso afdabile – e si è visto – due centrali giovani che dovranno crescere molto.

La prossima per la è l’Udinese a 7 punti. Altro grande impegno che potrebbe lanciare la sopratutto per l’autostima e la mentalità. Vedremo. Mou dice una cosa vera quando ammette che il di 10 anni fa, gli anni nerazzurri, era diverso. C’è da aggiungere però che il solco tra le 7-9 migliori e le altre si è allargato.

Anche Mou è diverso, un po’ invecchiato con qualche chilo in più e  un po’ di sfrontatezza in meno.

Un bravo sentito a Dionisi ed il suo Sassuolo. Complimenti per la Millesima a Mourinho e grazie da tutti gli appassionati di calcio per aver dato qualcosa in più al nostro calcio con  il suo ritorno!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply