ULTIM'ORA

Melania presenta Manolo: sembra Gigirriva, Rafa giusto per lui.

356io

Melania Gabbiadini, sorella di Manolo e nota calciatrice dell’, presenta il fratello ai del , con una raccomandazione: “​Higuain e Callejon lo prendano sotto braccio e gli insegnino tutto ciò che gli serve per diventare un campione”.

​Siete gli unici fratelli-bomber del calcio italiano?
“È vero. Ora lui sta per fare il grande salto. È forte, nella testa soprattutto. Testardo. Lavoratore. Come tutti noi bergamaschi. Però io di scudetti ne ho vinti già quattro. Ora tocca a lui cominciare”.

Per questo ha scelto ?
“Era pronto a fare il grande passo da tempo. Sa di andare in una squadra importante, in una delle piazze più prestigiose d’Italia.
Gli ho detto di continuare a tenere i piedi per terra, perché lì è fa che ti portino in cielo, ma poi è altrettanto fa precipitare all’inferno al primo errore”.

Da attaccante, cosa deve ancora imparare Manolo?
“Non ha mai avuto bisogno di nulla. Ora in campo abbiamo stesse caratteristiche e movenze, ma invidio il suo mancino. Pure nella vita siamo simili, tranquilli e molto umili. E testoni: se ci mettiamo in testa una cosa…”.

È stata lei ad accompagnarlo al primo ?
“È vero. Sono più grande di sette anni. Quando aveva sei anni lo portai a giocare nella squadretta del paese, a Bolgare. Lui si presenta con i guanti: voleva fare il portiere, come il nostro papà Giuseppe. Solo che ogni volta che giocava fuori dai pali, faceva . Il suo destino era di fare l’attaccante. Lui però è sinistro, io destro. Ma certi li ha visti fare a me”.

A chi somiglia?
“Tutti dicono che ha il sinistro di Gigi Riva. Io non l’ho mai visto in azione l’ bomber del Cagliari, però devo dire che quando in ci sono i suoi pure io penso che ci sia una certa similitudine”.

Cosa le piace del suo carattere?
“La tenacia. Non molla mai. Faceva l’apprendista all’offi meccanica di mio zio a 15 anni e poi andava ad allenarsi con l’. È bravissimo con i motori, le auto, gli scooter”.

Un vizio che non ha?
“Io amo i tatuaggi, ho fatto anche un corso. Lui non tanto. Ma un anno fa ho convinto Manolo a farsene finalmente uno. E ora ha tre stelline che sono per lui un portafortuna”.

Chi sono stati gli allenatori più importanti per Manolo?
“Pioli è stato il primo che ha creduto in lui. Ma Mihajlovic è stato fondamentale per diventare quello che è adesso”.

Benitez?
“Uno che ha sempre fatto esplodere i . Penso a Fernando Torres. È il tecnico giusto in questo momento per Manolo. Se ha detto sì al è stato anche perché c’è lui”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply