ULTIM'ORA

“Sesto leggenda, in Champions è terno!”

Antonio Conte Meets Serie A Coaches

di Antonella Lamole - Witsel e Bentancur, 2 rinforzi per il centrocampo. Uno subito, l’altro a giugno.
Marotta conferma: “Ci stiamo lavorando. Su Bentancur abbiamo un diritto di prelazione che scade ad aprile 2017 e lo riscatteremo, non per gennaio. Witsel è un’opportunità perché scade nel 2017, abbiamo contatti con lo per anticipare l’acquisizione e rimaniamo in attesa di risposta”.
Il dg bianconero ha confermato anche l’esse per gli atalantini Caldara e Gagliardini. “Giocatori essanti, il nostro primo obiettivo è reclue i migliori in circolazione, questa è la ricetta vincente. Avere ni è fondamentale per far capire loro n da subito cosa signica indossare la maglia . Ci stiamo attivando per questo”.

Marotta fa il punto Juve: “Il Sesto come lo ha denito Agnelli, sarebbe leggendario, anzi storico, pagina incancellabile. I presupposti ci sono tutti per raggiungere quello che all’inizio sembrava solo un sogno. Nonostante la partenza di Pogba, bisognava mantenere alto il livello qualitativo, obiettivo centrato con , Rugani, Benatia. Pjanic sta avendo difcoltà di inserimento ma è logico quando si cambia ambiente. Piano piano sta assimilando le nuove situazioni. Noi siamo pazienti e lo aspettiamo perché conosciamo il suo valore”.

Champions League, cosa c’è all’orizzonte? “Mancare la nale non dovrebbe essere sentita come una delusione perché in questo ciclo di presidenza con Andrea Agnalli siamo sempre stati competitivi, salendo nelle primissimi posizioni del ranking Uefa. Certamente, è un traguardo stimolante che società e si desiderano raggiungere, ma ci sono anche gli avversari. E soprattutto, mentre in i valori assoluti emergono e vince la squadra più forte, nella Champions ci sono delle componenti di imprevedibilità – come un che ti penalizza, arrivare a quella partita con giocatori infortunati, addirittura condizioni climatiche avverse – tali da condizionare le prestazioni”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply