ULTIM'ORA

Manita del Barça: Messi super, Suarez incanta: gol spettacolo.

C_29_fotogallery_1008593__ImageGallery__imageGalleryItem_4_image

di Azul Grano - Il Barcellona travolge 5-0 il Levante e continua la sua caccia al . Al Camp Nou i blaugrana, nella 23esima giornata di Liga, trovano la sesta vittoria consecutiva in campionato: apre Neymar e chiude , in mezzo la sontuosa tripletta di Messi. In serata arriva l’inattesa sconfitta dell’Atletico Madrid, che perde 2-0 a Vigo contro il Celta (rigore di Nolito e rete di Orellana) e si stacca dalla vetta: ora è a meno 7 dai cugini.

Luis Enrique lascia inizialmente in panchina preferendogli Pedro e deve rinunciare all’infortunato Iniesta e allo squalificato Dani Alves: dentro Xavi e Montoya dal primo minuto, titolare anche Bartra al centro della difesa accanto a Mascherano. A stappare la sfida è un vero e proprio ‘gollonzo’ di Neymar, che al 17′ su cross di un ispirato Messi sbuccia il pallone col al volo: ne esce un pallonetto al portiere Marino che deve raccogliere incredulo la sfera in rete. Al 38′ sale in cattedra la ‘Pulce’: incursione offensiva di Bartra, filtrante per l’argentino che di firma il 2-0, punteggio sul quale si va a riposo. La ripresa è uno show ancora più abbagliante dei blaugrana. Messi trova il 3-0 al 59′: scavetto di Busquets per Pedro che al volo serve il numero dieci, tocco di a porta vuota e seconda rete personale. Al 65′ arriva anche la terza, firmata con un perfetto rigore mancino assegnato dal direttore di gara per un discutibile fallo di s su Neymar. Al 67′ sostituisce proprio il brasiliano, all’ex Liverpool bastano 6 minuti per siglare il definitivo 5-0 con una spettacolare rovesciata su cross di Adriano, in campo dal primo minuto al posto di Jordi Alba. La festa è completa: il Barcellona sale a quota 56 punti in classifica e resta attaccato al , vincitore sabato con un poco convincente 2-0 al Deportivo. Tra campionato e Coppa del Re è l’undicesimo trionfo consecutivo, a testimonianza di un periodo d’oro per Luis Enrique. E Messi, in vista degli di League (i catalani giocheranno martedì 24 febbraio contro il Manchester ), dimostra di essere tornato scintillante.
I campioni in carica dell’Atletico Madrid, dopo quattro vittorie consecutive e il derby da delirio di settimana scorsa, salutano forse le ambizioni di ripetere l’exploit della scorsa stagione. Al Balaidos arriva infatti un’inattesa sconfitta per gli uomini di Simeone, che perdono 2-0 e scivolano a meno 7 dalla capolista e a meno 6 dal Barcellona, facendosi oltretutto avvire da un che ora dista solo 3 punti. Serata da dimenticare per i Colchoneros, schierati dal primo minuto con Fernando Torres in tandem con Mandzukic: deludente la prova del Nino, che viene sostituito dopo appena 45 minuti in favore dell’acquisto di gennaio Cani. Le reti del ko ospite arrivano nella ripresa: al 57′ Nolito izza un calcio di rigore da lui stesso guadagnato per fallo in area di Mario . Poi l’Atletico spreca due buone opportunità per pareggiare con Griezmann e Mandzukic e viene punito al minuto 71 da Orellana: scarico di Larrivey, assist di Krohn-Dehli per il no che davanti a Moyà non sbaglia. Il Celta Vigo si prende il nobile scalpo dei Colchoneros e sale all’ottavo posto a 28 punti, l’Atletico invece spreca l’opportunità per rimanere a contatto con e Barcellona. Quinta sconfitta in campionato per la squadra di Simeone: un po’ troppe per sperare di ripetere l’impresa dello scorso anno.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply