ULTIM'ORA

Manchester sfida il mondo: Mou-Pep, nemici per forza!

beso_pep_mou

di Mary Bridge - La sfida più cara della storia. E’ quella che si disputerà domani alle 13.30 a Old Trafford tra United e City guidate dai due condottieri, acerrimi nemici, Josè e .
In campo ci saranno ben 700 milioni di euro a cui vanno aggiunti i circa 40 milioni di ingaggio complessivi dei due top manager. Le due squadre arrivano alla sfida che riaprirà la , dopo la sosta per le nazionali, appaiate a quota 9 punti.

Le due squadre, quest’estate, hanno fatto un mercato da record.
Lo United, dopo l’addio di Van Gaal e l’arrivo in panchina di , ha speso 185 milioni per rafforzare la rosa. Il colpo più caro è stato il ritorno a Old Trafford di Paul Pogba, costato 105 milioni, a cui si aggiungono Mkhiyan (42 milioni), Bailly (38 milioni) e l’arrivo a parametro zero dal Psg di Zlatan Ibrahimovic.

Ancora meglio ha fatto il City di che ha speso 213 milioni. La cifra più alta è stata spesa per strappare all’Everton il difensore inglese, John Stones, altri 50 milioni sono finiti nelle casse dello Schalke 04 per il talento tedesco Leroy Sanè mentre sono 34 i milioni pagati al Palmerais per acquise il talento, neo campione olimpico, Gabriel che però sarà a disposizione solo da gennaio. Altri importanti colpi sono stati : Gundogan dal Bo Dortmund (27 milioni), Nolito dal Celta Vigo (18 milioni) e il portiere, Barcellona, Claudio Bravo (19,9 milioni) scelto per sostituire l’epurato Joe Hart.

I due allenatori, che si affrontano per la prima volta in terra inglese, dopo le scintille spagnole sono alle prese con qualche problema di formazione. Lo United, già Ibra dipendente, è alle prese con i problemi fisici di Mkhiyan e il ritorno dagli impegni dei vari nazionali, in particolare Valencia. Dopo la tripletta siglata con l’Under 21 inglese e il gol vittoria all’ultimo minuto contro l’Hull City è in rampa di lancio il giovane attaccante Rashford con Mou tentato di schierarlo titolare dal primo minuto. invece dovrà decidere come sostituire lo squalificato Aguero, fermato per 3 turni con la prova tv dopo la gomitata a Reid del West Ham. Favorito è il eriano Iheanacho. Tornano disponibili invece sia Gundogan che Sanè.

Difesa e contropiede contro possesso palla e bel gioco. La sfida totale Mou- sarà un altro tema della supersfida di Old Trafford. Chissà se l’aplomb inglese favorirà un clima più sereno tra i due duellanti e magari a fine partita la tensione e l’adrenalina si scioglieranno davanti a un buon bicchiere di vino.

E pensare che Pep poteva già giocarlo da giocatore il di Manchester. Nel 2001 infatti, come rivelato al Sun dal suo agente Josep Maria Orobitg, Sir Al Ferguson voleva acquise il centrocampista catalano in scadenza di contratto con il Barcellona. Dopo vari rifiuti ad incontrare Ferguson, lo United aveva deciso di mollare la presa e così ha firmato, da svincolato, per il Brescia. E poi nel 2005 dopo un periodo di prova di una settimana con il City, Pep ha rifiutato di giocare in preferendo chiudere la sua carriera in con il Dorados.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply