ULTIM'ORA

Tra Tevez e Dybala risolve Morata. Zeman-Sarri 1-1.

serie-a-palermo-juventus-0-1

di Rosa Favorita - Morata entra e risolve! Un tempo giocato, il secondo speculato: a Palermo ha prevalso l’ombra di Dortmund anche sui rosanero che non hanno saputo affondare una Juventus con la testa in e le gambe a scansare l’avversario.
La Juventus allunga a +14 sulla . Lo scudetto è ormai una questione di dettagli. Max Allegri è stato ato da una rete nella ripresa di Morata da poco entrato.
Partita molle, i rosanero di Iachini hanno giocato sotto le proprie possibilità, Dybala-Vazquez in ombra.
Dybala non al meglio, Vasquez appannato, il Palermo ha fatto poco, quasi niente per vincere.
Ad Allegri andava bene così, per di più coi sudori freddi quando s’è toccato la caviglia e Sturaro ha dovuto lasciare per Vidal.
La sorpresa è venuta da Barzagli: ha giocato tanto, forse troppo dopo i 5 minuti col Sassuolo. Chissà se Allegri vuole confermarlo anche col Borussia. La difesa a 3 può essere la chiave del ritorno di : passare il turno darebbe un senso nuovo alla stagione, uscendo si tornerebbe al vorrei ma non posso provato già da Conte.
Il Borussia non ha fatot meglio col Colonia, ma si è visto che in sarà molto diverso dalla gara dello .
A sinistra c’è il buco bianconero da colmare: a 3 non si sentirebbe l’assenza di Caceres. De Ceglie non è pronto per questi livelli…
Pirlo non ci sarà, Marchisio ha rimediato una botta alla schiena, Morata è stato preservato per fare la freccia a Dortmund. Resta Teve, l’uomo cui affidarsi. A Palermo sì è acceso a mittenza e ci ha pensato Morata con un no collo di sinistro a risolvere.
Buon movimento, ottima esecuzione…ma l’errore decisivo lo ha fatto Dybala negando il pallone a Vasquez sull’altro fronte da dove è ripartita fera la Juve.
Massimo risultato, minimo sforzo, non è più il Palermo di qualche settimana fa e Iachini aveva provato a controllare la gara nella ripresa. Accontentandosi del punto.
La “settimana decisiva” è cominciata bene. Mercoledi sera la Juve gioca più di un ottavo di finale di : deve dimostrare a se stessa che è maturata anche in Europa. Dove neanche con la rabbia di Conte ha fatto meglio in 3 anni.

A CAGLIARI, torna Zeman in panchina, ma non basta per ritrovare la strada della . I sardi hanno a lungo accarezzato i 3 punti, per la rete di Joao Pedro nel primo tempo, ma sono stati raggiunti da Vecino nei minuti di .
Gridano i due legni colpiti nel primo tempo dal Cagliari, sfortunati al Sant’Elia.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply