ULTIM'ORA

Italia più forte, 2-1: Belgio a casa… Finale possibile!

81750856161d05f77e3e608418879347

di Paolo Jr Paoletti - L’Italia batte 2-1 il Belgio a Monaco e si qualica per le seminali di Euro 2020. Affronterà la Spagna martedì prossimo a Londra.

Gli azzurri sono andati quasi subito in con Bonucci, ma la rete è stata annullata per fuorigioco.

Il vantaggio allora è di Barella, tra i migliori – gigante nel primo tempo -   segna al 31′ con un bel tiro a incrociare da dentro l’area.

Raddoppio al 44′ con una prodezza di , ato dall’ migliore in campo!

L’Italia c’è, volerà a Wembley! Gli Azzurri battono anche il Belgio conquistando la seminale contro una Spagna passato ai sulla Svizzera.  

La sintesi è nelle prestazioni di quasi tutti. In particolare Bonucci-Chiellini, garanzia assoluta in difesa. Jorginho gigante del centrocampo e Barella insuperabile no a quanto ne ha avuto. Bene anche e Chiesa. Menzione a parte per Spinazzola, perdita incolmabile, anche contro il Belgio tra i migliori se non il migliore nche è stato in campo.

Mancini non potrà sostituirlo con Emerson, servirà escogitare qualcosa di nuovo.

Tutti bravi nell’pretazione di un atteggiamento di gioco anche rischioso, che abbisogna di concretizzare di più le occasioni da rete. Immobile unico insufciente non può fare reparto da solo, sancandosi anche nella prima ostruzione. Stavolta però in grande difcoltà contro la sicità dei difensori belgi e del suo diretto avversario.

In più, testardo nel cercare il tiro a rete anche in situazioni impossibili. Ciro è scarpa d’ uscente ma la ha bisogno di un attaccante vero, alla Lukaku, che il calcio italiano al momento non esprime. Tre giorni per ricaricare le batterie, Mancini ha molte cose su cui riflettere. Non sempre le ciambelle riescono col buco e con Bonucci acciaccato, senza Spinazzola, Verratti in debito dopo 60 minuti , l’inesperienza di Di Lorenzo che ne ha combinate troppe nonostante l’apporto dinamico e di sfacciataggine, biosgna ridisegnare il cuore e la testa degli Azzurri. Dopo ovviamente aver recuperato le forze.

L’Italia adesso è lanciata, può arrivare in nale, può addirittura vincere l’Europeo. Molto dipenderà dalle scelte del Ct, e da come la squadra reagirà dopo lo sforzo ed i cambi necessari.

LA GARA. Il Belgio di Martinez manda in campo il recuperato De Bruyne ma deve fare a meno di Eden Hazard (in tribuna) e nei primi minuti pressa con forza, ma il primo urlo è dell’Italia che al 13′ passa con Bonucci: la gioia dura poco, perché il VAR annulla per fuorigioco di Chiellini e Di Lorenzo nell’azione. Lo spavento sveglia i Diavoli Rossi, che in 4′ mettono i brividi ai 10mila tifosi azzurri all’Allianz Arena di Monaco: all 22′ De Bruyne è prodigioso sulla botta da fuori di De Bruyne, si ripete al 26′ sull’iniziativa di Lukaku. L’Italia, però, reagisce e al 31′ trova nuovamente la via della rete, questa volta è tutto reare: Verratti recupera palla e serve Barella in area, il centrocampista dell’ va via di forza in mezzo a due difensori e scaraventa in rete alle spalle di Courtois. L’Italia alza il pressing e al 44′ trova il raddoppio con : dribbling al limite dell’area e specialità della casa, il tiro a giro che non lascia speranza a Courtois. 2-0, ma il doppio vantaggio dura poco perché allo scadere del primo tempo Di Lorenzo spinge su Doku, per l’ Vincic è rigore: dal dischetto va Lukaku, che non sbaglia. Si va negli spogliatoi sul 2-1 per gli Azzurri, che a inizio ripresa partono subito forte con Chiesa, ma la sua conclusione si spegne a lato. Il Belgio torna quindi a farsi sentire e ha un’occasione clamsa al 61′ con Lukaku, ma Spinazzola salva sulla linea la conclusione. E cinque minuti più tardi è lo stesso Spinazzola a rischiare il : cross magico di , l’esterno azzurro calcia al volo ma va di poco a lato. Mancini prova a rimescolare le carte buttando dentro Belotti per uno spento Immobile, ma al 79′ arriva la tea: Spinazzola accusa un problema muscolare e lascia il campo, in lacrime e in barella (al suo posto entra Emerson). La squadra di Martinez ci crede grazie a un ispirato Doku che continua a far impazzire la difesa italiana, ma i Diavoli Rossi non trovano la via della rete. E dopo cinque minuti di , la festa azzurra può cominciare: l’Italia fa il suo record di in un campionato europeo (11), è tra le prime quattro Nazionali d’Europa e vola in seminale contro la Spagna.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply