ULTIM'ORA

Italia-Germania 4-3, il calcio scomparso che ci rese felici!

50 anni fa Italia-Germania 4-3, un mito infinito / SPECIALE

di Paolo Paoletti - Io c’ero davanti alla tivvù! Avevo 14 anni, giocavo a pallone e Gigirriva era il mio idolo…
C’ero alle 3 del mattino, com mio zio Gigi e Romolo Acampora, giornalista sportivo del Mattino, amico di famiglia.
C’era anche un bella bottiglie di tequila ed il tavolo da pranzo trasformato in campo da calcio per le nostre interminabili partite a bottoni.
Fu una grande emozione, dopo una lunga noia che per poco non mi fece sprofondare nel sonno profondo, per come si trasva la partita.
Mi sarei perso una delle pagine più belle, entusiasmanti, indimenticabile del calcio . In cui l’ vince, batte se stessa, appaga un intero Paese mettendo da parte tutti gli scontri dialettici da bar tra riveriani e mazzoliani.
Vinse l’, di Rivera. Vinsi anche io e tutti i giovani della mia generazione.
Ce ne siamo ricordati dopo 50 anni, nelle celebrazioni televisive con gli eroi dell’epoca, i filmati d’archivio, le verità di un calcio che non esiste più.
Mettere a confronto -Germania 4-3 e i 10 milioni di telespettatori per ntus-Napoli (4-2 dcr), finale della Coppetta è stato un oltraggio!
Il calcio di Rombo di Tuono, Rivera e Mazzola, Zio Uccio , le battaglie di Gianni Brera, ha segnato un’epoca in cui la vita era la più grande avventura che ci possa capie: speranza, , felicità per le grandi e piccol,e cose. L’ era invidiata da tutti, il boom aveva trasformato gli ni, i turisti ambivano a visici, il Made in Italy stava diventando icona.
Cosa è rimasto di noi, del Bel Paese. Nel calcio proprio niente, diventato business di basso profilo.
Il Paese ha dimenticato i giovani, le famiglia, l’orgoglio di essere ni.

CINQUANT’ANNI DOPO. La Partita del Secolo compie mezzo secolo, e già nel gioco di parole c’è la portata dell’evento: il 17 giugno di 50 anni fa allo stadio Azteca di Città del Messico si disputò infatti molto più di una semifinale del di calcio, persino più della “Gara”, come la definirono gli organizzatori nella ga prontamente apposta sulla tribuna principale dell’impianto. Quel giorno di fine primavera del 1970 a sfidarsi mischiando metafore ed emozioni furono la vita e il pallone: ne venne fuori -Germania4-3, che da sempre si legge così, tutto attaccato. Un evento che ancora oggi suggestiona non solo i due popoli coinvolti, gli inopinatamente vittoriosi e gli inaspettatamente sconfitti, ma i si di tutto il mondo.
Il concentrato di adrenalina e lacrime andò in onda in tv quando in era notte piena e nel canale della mondovisione, due rarità per l’epoca. E regalò tutto l’epos del calcio grazie a una pazzesca serie di , papere e prodezze: il tutto mentre 10 mila km a Est l’ riscopriva l’orgoglio nazionale mortificato dall’avventura folle nella guerra voluta dal fascismo, e, tornando al recinto dello sport, dall’einazione nel precedente , quello del ’66, avvenuta contro la Corea del Nord.
-Germania4-3 è dunque diventata in questi 50 anni un brand impreziosito da un paio di film, qualche piece teatrale, innumerevoli libri ma è rimasta soprattutto un ricordo ineguagliato di gioia e follia collettiva. Eppure è passato tanto tempo, in cui stando alla contabilità dei trionfi l’ ha vinto due mondiali che si sono aggiunti ai due degli anni Trenta. A distanza di tanti anni è però sempre più evidente che a fare di quella nottata un punto di svolta, una pietra miliare nella storia del costume no, sono non solo le emozioni calcistiche che arrivavano in bianco e nero dal Messico ma, sulla spinta del boom economico, l’evidente voglia di riscatto e di immagine nuova di una nazione che era stata non solo sconfitta, umiliata.
Quell’-Germania del di Messico 70 era stata per la verità per 90 minuti una gara noiosa: con i potenti e furenti tedeschi guidati dallo statuario Beckenbauer (ferito, braccio appeso al collo per un infortunio, ma imperiale nel suo incedere) all’assalto del solito, astuto, catenaccio no.
Erano in vantaggio 1-0, gli azzurri di , in virtù di un di Boninsegna. E il pareggio tedesco arrivò nel del secondo tempo grazie a Schnellinger, che militava nel Milan e si ritrovò sotto porta solo perché voleva arrivare prima nello spogliatoio per evie i fischi dei suoi si. Da li’ nei supplemeni la sarabanda di : 2-1 per i tedeschi con Gerd Muller, 2-2 firmato da Burgnich, uno che nella sua meravigliosa carriera di difensore sarà arrivato nell’area avversaria tre volte in tutto. E poi 3-2 di Riva, 3-3 ancora di Muller con errore difensivo di Rivera che però, stimolato dagli insulti del portiere Albertosi, andò a riparare nel giro di una manciata di secondi con un thrilling: colpo miletrico di piatto destro in controtempo sul tuffo di un Maier inebetito.
L’ visse quei supplemeni incollata alla tv, e lo stesso fecero in tutto il mondo. Persino le guardie di un carcere messicano si persero nei brividi di -Germania4-3: e infatti alcuni detenuti ne approfitono per darsi alla fuga.
Una delle tante pazzie di quella notte contrassegnata in chiave na dalla gente incolonnata nelle strade, tante bandiere che spuntavano dal tettuccio della Cinquecento e persino qualche so a fare il bagno ubriaco di gioia dentro Fontana di Trevi: altro che Anita Ekberg…
Gigi Riva, nei suoi anni da dirigente della Nazionale raccontò all’ANSA: ”Noi tutti, dopo che l’arbitro fischio’ la fine, avemmo la percezione di quello che era successo, dell’importanza della nostra impresa. Eravamo stravolti dalla stanchezza, ma dall’ arrivavano notizie di incredibili festeggiamenti in ogni dove. La chiave del successo? La capacità di non mollare mai, anche quando tutto sembra obiettivamente perso. Questo l’insegnamento che ‘-Germania4-3′ puo’ dare ai giovani affasti davanti alla tv ancora oggi: se non si molla, tutto e’ possibile”. Anche che un Paese umiliato e offeso si riscatti finendo, inopinatamente, in copertina al mondo: un messaggio che va molto al di là del calcio, proprio come quella nottata.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply