ULTIM'ORA

Il Cts stoppa Speranza e Figc: impossibile oggi dare ok per giugno! Il calcio smetta di rompere…

roberto-speranza-gabriele-gravina_ev-770x370

di Paolo Paoletti – Martedì i morti erano stati oltre 600, come ai tempi dei peggiori esiti del Covid, un anno fa! Eppure il ministro Speranza aveva dato l’ok al pubblico all’ per le gare degli …. un assurdo, che il CTS ha pato dicendo che il pubblico negli stadi ad oggi è  tutt’altro che una certezza. Insomma l’ennesima guraccia che neanche Draghi, da Presidente del Consiglio, riesce ad evie!

L’ è stata chiara: la competizione deve giocarsi con in tutti i 12 paesi scelti nel primo Europeo itinerante. L’ok è arrivato da Amsterdam (12.000 ), Glasgow (12.000), Bilbao (13.000), Copenhagen (11.000), Londra (pma alle riaperture). Dublino si è svincolata.

Nella lettera di Speranza alla gc, si precisava – e non poteva essere diversamente – come fosse il Ctsa dover dare l’ok denitivo. Nelle scorse ore, il Cts ha sconfessato Speranza, affermando che ad oggi “non è possibile confermare la presenza del pubblico”.

La riunione del Comitato Tecnico Scientico, infatti, ritiene troppo presto decidere adesso. Disponibili a rivedere la questione nelle pme settimane “alla luce dell’evoluzione del quadro epidemiologico e dell’andamento della campagna di vaczione in corso in Italia”.

Pur manifestando apprezzamento per lo sforzo prodotto dalla e tenuto conto dell’attuale situazione epidemiologica, dell’intensità della circolazione virale, dell’occupazione delle strutture saniie e della itata possibilità di previsione, non è possibile rendere un parere denitivo entro il 7 aprile 2021.

Oltre il rischio contagi, la gestione di molte altre attività come concerti e , hanno immediatamente protestato. E con ragione.

La gc resta duciosa. L’obiettivo è 20.000 , il 25% della capienza dell’, per le 4 gare in programma: Italia-Turchia, Italia-Svizzera, Italia-Galles e un quarto di nale. L deciderà entro il 19 aprile ma la gc chiede più tempo. 

E sperando che la popolazione under 50 difcilmente verrà vacta in tempo, ha studiato un’app che prevede il tampone rapido alla vigilia dell’evento.

Difcoltà anche in Spagna, dove la federcalcio attacca il governo di Bilbao. 

Ma non sarebbe più saggio, trasparente e corretto dire subito all’ che per il 19 aprile non ci saranno certezze e che gli si organizzino altrove?

Caro Gravina, chi paga per gli oltre 110.000 morti italiani che tante famiglie piangono da oltre 1 anno? Secondo lei quanto importa a queste persone dei campionati in Italia? Basta, adesso è così. Come tutti i settori, come tutti i lavoratoi, anche calcio e calciatori vivano l’emergenza Covid come va fatto: in silenzio e senza rompere le scatole!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply