ULTIM'ORA

Sì, il calcio è dei potenti… ma DeLa ‘chiagne e fotte’!

usb_4538corr_77334_immagine_obig

di Paolo Paoletti - Lo avevo detto mercoledi 7 gennaio a ‘Il Bello del Calcio’ di Canale 21: tema centrale di Napoli-Juve era l’arbitro. Avevo indicato e auspicato solo la designazione di , arbitro di Argentina-Germania, finale mondiale a Rio.
Messina e Nicchi hanno mandato Tagliavento…

La Juve non ha vinto al San Paolo per l’arbitraggio, ma il momento in cui è arrivato l’errore di Tagliavento (gol di Caceres) è stato decisivo, riproponendo l’antico tema della sudditanza psicologica che il Sistema calcio in Italia non vuole affrone perchè sta bene a tutti.

Mario Sconcerti, ultimo opinion leader calcistico, sugli errori di Tagliavento dice: “Il fuorigioco c’è e il gol non è regolare, ma è un fuorigioco di pochi centimetri. Eccessiva la presa di posizione di De Laurentis e . Sono d’accordo con Buffon, si devono accete gli errori arbitrali anche se non c’è dubbio che la ne subisca meno perché è una società potente”.

Chi sono i potenti del calcio italiano, perchè?
La storia racconta che , Milan, Inter e Roma sono e sono stati in momenti storici diversi i potentati del calcio italiano.
Motivi vari: la Fiat degli Agnelli, Silvio , le due epopee dei Moratti, Andreotti grande so della Roma.
Ma anche gli scudetti ‘impossibili’ hanno avuto potenti patron: Artemio Franchi primo so della Fiorentina, Federico Sordillo e Biagio Agnes grandi amici di Ciriaco De Mita sodale di Ferlaino, Almirante ed i fascisti sissimi della Lazio. Eccetera.
Ma gli scudetti insoliti, quelli che fanno simpatia e accontentano un po’ tutti, consolidando gli equilibri del Paese calcistici e non, hanno sempre avuto dietro grandi Campioni: Amarildo e De Sisti, Rivera e Mazzola, Gigirriva e Chinaglia, e Careca, oppure il gruppo Bagnoli e le idee del grande Fuffo Berbardini incarnate da Bulgarelli e Pascutti che stabilì un record segnando 12 consecutivamente per le prime 10 giornate.

Nel calcio, si è potenti per 3 ragioni:
1. si vincono scudetti; 2. si danno giocatori alla Nazionale; 3. si ha grande seguito mediatico e popolare con grandi Campioni!
Il resto è fuffa.
Oggi nel calcio vendutosi alla tv, i 3 aspetti sono un tutt’uno.
E perfino la Legge Melandri che decide la spartizione dei soldi del calcio poggia su questi criteri.
Inutile che De Laurentis, fintamente, si sbatta…
Se De Guzman avesse segnato solo davanti a Buffon o se Pogba avesse giocato col Napoli, qualcosa sarebbe cambiato… Tagliavento o non Tagliavento. Ma De Laurentis è andato oltre, ipotizzando apertamente la mala fede, cioè di volontà del Sistema.
Ne deve rispondere, lui è il Sistema… ne è parte integrante!!!

E’ vero, esiste un Sistema che non cambia, perchè fa comodo a tutti. Calciopoli ne è la prova provata. E la Juve è stata mandata in serie B!
Ma per combattere il Sistema, De Laurentis non può ‘piangere e fottere’, non può fare accordi con Juve e Milan per incassare soldi dalla tv e poi denunciare che gli stessi imano!

Ferlaino, mi consta personalmente, ha battagliato da solo lo stesso Sistema… ricattando, millantando, accusando e negando… sempre da solo.
Ha vinto il primo scudetto, con la benedizione dell’Avvocato (Gianni Agnelli) perchè strategicamente faceva più comodo il Napoli di altri: c’era la chimera Bagnoli e nel 1984 usciva di produzione l’Alfasud… consentendo a Fiat di comprare Alfa Romeo da Finmeccanica con lo stabiento di Pomigliano d’Arco.
Ma il secondo, Ferlaino, lo conquistò dannandosi con l’aiuto di Biagio Agnes, Biscardi ed il suo che puntava la moviola contro gli arbitraggi e l’approvazione anche di Gussoni, il Designatore, che nella sua lunga e brillante carriera gli doveva più di qualche ‘favore’!

Oggi molti si ‘divertono’ a stilare la lista degli ‘Orrori-Arbitrali’, che determinano la classifica.
Nonostante Tagliavento in Napoli-Juve, la squadra più sostenuta è il Milan di con ‘aiutini’ da +5 punti in classifica. Mentre la Juve s’accontenta di +2 con 6 errori a favore e 4 contro. E la Roma di +1 riscuotendo parte del maltolto a Udine.
I bianconeri però si sono subito ripresi il vantaggio per essere Campioni d’Inverno con una giornata di anticipo!

Quindi il quando fa la differenza… e Allegri s’incazza quando gli viene chiesto di Tagliavento…
Domanda: “le ha tolto uno scudetto per il gol di Muni, col Napoli invece ha dato un contributo alla vittoria della sua Juve”.
Risposta: “se ci mettiamo a criticare Tagliavento e parliamo di arbitri, noi abbiamo subito, tra Samp e Inter, decisioni contrarie e credo di non aver mai detto niente. Gli errori li fanno tutti: allenatori, giocatori, presidenti… a fine contiamo decisioni a favore e contro. Se non lo accettiamo, arbitriamo noi. Io non faccio polemica e non mi dovete rompere le scatole”.

A Napoli- 1-3, c’erano 53.006 spettatori, incasso totale di 1.519.976,44 euro.
Due domande.
Prima: i 53.000 spettatori che erano al San Paolo, sono stati imati più da Tagliavento o dalle pessime prestazioni di Higuain e compagni, che non hanno proprio incarnato lo spirito del San Paolo, dove si erano create le più favorevoli condizioni emotive per vincere?
Seconda: l’incasso è stato di 1.519.976,44 euro che diviso per i paganti fa 28.678 euro di media, meno del prezzo più basso!
Come è possibile se la Tribuna d’Onore costava 120 euro, la Posillipo 80, Nisida 60, Distinti 40, Curve 30?

Voglio dire: ccà nisciuno è fesso, chi ima di più?

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply