ULTIM'ORA

Higuain 6 mesi di astinenza: vuole Champions e squadra scudetto.

C_29_articolo_1049253_upiImgPrincipaleOriz

di Nino Campa - La striscia peggiore è di 6 anni fa, ultima domenica di … astinenza dal nella Liga spagnola che durava dall’inizio di ottobre 2007. Da allora in poi Gonzalo Higuain, da teenager è diventato un top player trasformatosi a suon di prima nel Madrid poi a Napoli.
Sempre in doppia cifra: 22 reti nel 2008/09, poi 27 (2009/10), 10 (2010/11), 22 (2011/12), 16 (2012/13), 17 nel 2013/14 primo anno in .

Molti i dubbi che quest’anno si ripeta a meno di una netta e immediata inversione di trend.

Dopo 622 minuti senza : 536 nelle 7 partite di campionato più gli 86 giocati a San Siro in primavera sempre contro l’.
Gli ultimi del Pipita risalgono al 13 aprile, tre alla Lazio. Ancora 6 mesi. Una enormità per il centravanti della Seleccion vicecampione del Mondo. Lo scorso anno era già a 3 reti in 6 presenze, più 1 in . Quest’anno solo l’ lo ha ispirato, ma sembra inutile. Peraltro al cospetto di Callejon del Napoli e del campionato a 6 .

I numeri di Higuain pesano sul Napoli: classifica e morale. Come su Gonzalo pesa come un macigno l’eliminazione dalla .
Non solo il , la cosa che boccia Higuain è la determinazione sotto rete: dai 4 tiri a partita di media ora non raggiungere le due. Perchè?
lo difende: ricorda i 2 assist e i centri , nella certezza che il digiuno finirà presto.

Cosa probabile per la legge dei numeri e la storia personale del Pipita.
Il Napoli non aspetta altro da Gonzalo, sempre più nervoso, irrascibile, annebbiato: in giallo anche a San Siro dove la palla non l’ha vista neanche col binocolo.
Che strazio!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply