ULTIM'ORA

Hamsik non inganni: avvio ottimo, non è un leader. Benitez vuole 2 colpi.

309500_heroa

Osanna, osanna…per 3 ad un derelitto Bologna è troppo. Benitez non ci caschi, il suo è ancora un cantiere!

Certo 3 nella prima non li ha segnati nessuno, ma le cose da mettere a posto nel sono ancora tante ed anche importanti. Partire bene e sempre meglio ma quanto visto contro il peggior Bologna di Pioli non può ingannare. L’insidia passa proprio attraverso il migliore in campo: Hamsik. Ha fatto tutto e bene, 2 , il destro respinto male da Agazzi proprio sui piedi di Callejon, fascia di capitano senza sbavature.

Proprio per questo la storia di Hamsik a deve far riflettere: se il nuovo dipende così da Marek bisogna correre ai ripari come d’altronde Benitez si aspetta da . Servono urgentemente ancora un difensore centrale destro e un centrocampista di quantità e qualità.

Si era partiti da David Luiz e Mascherano, diventati Skertl e Gonalons, per ripiegare su Astori e Nainan.  Nisba. Dela ha invitato Benitez ha dire se quanto fatto gli basta, affermando di aver realizzato tutti i del nuovo allenatore…per poi chiarire che Zapata, il giovane ruota di scorta di lo ha scelto lui, versando all’Estudiantes de la Plata 7 milioni di euro. Poco male, al momento il lavoro sul è ancora lungo…con 35 giocatori Bigon deve sbolognarne almeno 10: Dossena, Uvini e Vitale; Donadel, Gargano e Maiello; Hoffer, Chavez e un paio di ingombranti riserve come Paolo Cannavaro.

Questa bomba Benitez deve disinnescarla al presto. Cannavaro, ex capitano, non può essere tenuto in naftalina: se non è ritenuto all’altezza del nuovo , della difesa a 4, meglio venderlo.

Ed è proprio sul fascia di capitano che corrono i problemi azzurri: , non è più un giovane di prospettiva, ma nonostante l’esperienza non ha ancora fato il salto di qualità per continuità e incisività nelle gare che fanno la differenza. Anche ieri contro un Bologna sinceramente imbarazzante, assenze a parte, ha fatto la differenza ma negli anni napoletani non ha mai deciso un big match, non ha mai preso la squadra per mani, non è ha stato un top player. Se contro il Bologna tutto è passato da lui, tutto è stato determinato da Mark, Benitez deve intuire cosa manca e ottenerlo negli ultimi giorni di .

In generale questo non può fare a meno di Insigne, l’unico per quanto visto fin qui, ad avere il lampo creativo. Quel quid in più negli ultimi 3o metri.  L’assist che fa felici i eador.

ne sa qualcosa…nonostante l’impegno, l’avversario modesto, la serata da sogno, il risultato al sicuro non è riuscito a segnare senza giocare mai una palla . Tropo presto per sputare sentenze, ma il buon giorno di vede dal mattino e per chi capisce di basta poco per capire. E ieri Benitez  ha certamente capito che manca qualcosa in tutti i reparti. Difficilmente ottenibile con l’organico a disposizione a meno che Hamsik dopo tanti anni, si metta a fare il trascinatore e non la ciliegina sulla torta.

Per i resto è difficile analizzare un partita dove ha giocato una sola squadra: troppo modesto il Bologna per essere vero, straripante il per giudizi definitivi.

In bozza s’è vista una formazione dove Maggio e Zuniga dovranno fare la differenza, non si è ancora ripreso, Beherami è un indemoniato, Callejon è andato meglio di Pandev anche perchè il Macedone per età e caratteristiche può esprimersi meglio come finalizzatore che nel ruolo di esterno di raccordo.

Buona la prima, è davanti al bivio: meritarsi veramente il credito che l’acquisto di ha avanzato, restante nella mediocrità del potrei ma non voglio. Fin qui il cinepresidente ha speso 83 milioni ( 37, Mertens 10, Albiol 10, Callejon 9, Zapata 7, Armero 4, El Kaddouri 1) e incassati 66. Prima della di Cavani aveva promesso una campagna da 40 milioni, ne ha investiti solo 17…DEVE completare l’opera con 2-3 . Un difensore, un centrocampista. Diversamente Benitez potrebbe bruciare le aspettative e il ritrovarsi con un pugno di mosche in mano.

Di chi la colpa?

 

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply