ULTIM'ORA

Già 11 positivi a 3 gg dai collettivi: calcio ingordo, incosciente!

AS Roma v SSC Napoli - Serie A

di Paolo Paoletti - Sono quasi novantamila (89.624) i malati di cnavirus in Italia. Continuano ad aumene le vittime, salite a 29.958 con un incremento di 274 in un giorno. Ieri l’altro l’aumento era stato di 369. Ma il ingordo vuole ricominciare per non perdere i da pay-tv!
Non sono ancora cominciati gli allenamenti collettivi ma risultano già 11 i positivi ai test tampone che stanno svolgendo i in preparazione della ripresa attività collegiale: orentina, Samp, Milan hanno avuto pessime notizie e Gastaldello del Brescia denuncia: “Non mi sento pronto a giocare. Non ci sentiamo sicuri, non è sopportabile un ritiro così lungo. Abbiamo non solo noi calciatori ma anche magazzinieri, sioterapisti, massaggiatori. Riprendere è contro natura e due mesi di ritiro non sono affrontabili”.
I si si sono già espressi contro il a porte chiuse incolpando i di cannibalismo, la situazione non è controllabile ed i rischi anche legali, per eventuali dolo e colpe, è molto alto. Eppure…
La Lega Pro da sempre ha manifestato la volontà di fermarsi e ieri, responsabilmente, ha dato seguito, dichiarando lo stop denitivo del che sarà raticato dalla GC.
Chiedo: se muore un addetto di questo variopinto circus del pallone, chi va in galera?
In più quale livello di competitività potrebbero esprimere squadre dove si contagiano più giocatori, magari i più bravi?
Il virus non è come un infortunio, inconveniente possibile da value prima con rose più o meno ricche di quantità e qualità.
per i che vanno nelle tasche dei . Ciò non è più consentibile.
Chi interviene per mettere ne a queso strazio incosciente?

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply