ULTIM'ORA

Genoa passo scudetto, Napoli da b: Benitez paghi!

FBL-ITA-SERIEA-NAPOLI-GENOA

di Nino Campa - Sei giornate, 14 punti, 11 gol fatti e 4 subiti. Dal Chievo al a Marassi, il Genoa ha cambiato passo e si è messo al davanti tutte le squadre della . Il Grifo ha conquistato 1 punto più della Juventus prima in classifica e più della Roma, prossimo avversario a Marassi.
Napoli 10 punti nelle ultime 6, 3 pareggi nelle ultime 3: Empoli, Samp e Cagliari…10 gol fatti, 7 subiti. Media da mezza classifica, appena sopra la retro. Perchè?

Tanto tuonò…
Piove sul bagnato a Napoli. Una stagione maledetta, con preambolo doloroso e doloso del preliminare Chemapions. Troppe incoerenze, troppi interrogativi, troppi errori, tutto al pettine in una montagna di incertezze che destabilizzano squadra ed ambiente.

Il peccato originale è storia vecchia, mai superato. Ciò dovrebbe far capire i limiti mentali e di personalità prima che tecnici, che non sa risolvere.
Inutile far finta che non sia così. Colpe di tutti, da De Laurentis in giù.
è nel mirino, a ragione. Rafa nicchia, temporeggia, alla vigilia dell’Empoli ritira fuori, come Mazzarri, i fatturati…
Discorso credibile dopo la Roma, boomerang prima dell’Empoli dove Verde e Rugani che hanno fatto gol al San Paolo guadagnano 150.000 euro!
L’Empoli è quotato tutto compreso meno del solo : l’alibi concesso alla squadra, è stato un errore marchiano.
Che c’è da arrabbiarsi dopo?

In più scelte tattiche che nessuno comprende. Marek Hamsik è logorato da un sistema di gioco che non lo gratifica, e dalle conseguenti costanti sostituzioni. Perchè insistere? I numeri dicono tutto: ha fallito la stagione, che senso recriminare su ciò che non è stato?
Perchè non cambiare tutto prendendo atto di ciò che c’è? I giocatori, la rosa?
Il tecnico va avanti (?) a testa bassa: i pregi e tutti i difetti di gran lunga maggiori.

L’attacco ai ri, dopo l’Empoli, è il segno del crollo mentale anche di .
Contesta ai giocatori con più esperienza mancanza di personalità, ma il primo a non averla è lui!
Ci sono squadre, come Genoa e Samp, che basta guardarle per capire chi le allena: come approcciano le partite, come si identificano nell’idea del tecnico, come sentono la piazza.
Col Cagliari, al San Paolo tornano quasi 40.000 e la squadra si fa recuperare 3 volte… Uno schiaffo, un al pubblico.

Dovrebbe essere il tecnico a trasmettere i doveri della squadra, il rispetto per la gente e la città. Niente!
Da quanto siede in panchina , si ripetono gli stessi errori: saranno anche sue le colpe?

Il curriculum, il passato, in queste situazioni non contano più.
Il futuro a Napoli è lungo appena 15 giorni in cui Rafa si gioca tutto: e , poi la Juve in Supercoppa.
Da cosa resterà nella rete di queste 3 sfide, dipenderà tutto: fino a giugno e oltre. Magari nemmeno fino a giugno… dicono i più arrabbiati.
non ha dato ciò che doveva al Napoli. Non è stato un valore aggiunto, come dovrebbe essere il tecnico più pagato della , prima dell’arrivo di .
Se i fatturati sono così importanti, il Napoli ha in panchina uno che fa la differenza e deve saper risolvere tutto.
Non è stato così, se non per essere ancora oggi il parafulmine di De Laurentis, primo colpevole di tutto.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply