ULTIM'ORA

Garcia ‘sente’ la vittoria, Allegri lancia Dybala.

Roma-Juventus, domenica alle 18.00 in serie A

di Romana Collina e Antonella Lamole - Ecco Roma-ntus, la partita delle partite e sceglie profilo basso. “La ntus è squadra di alto livello anche dopo le cessioni di Vidal, Pirlo e Tevez. Dovremo giocare al massimo per vincere. Se Tsidis sarà al 100% gioca lui. Digne deve ambiensi. Iturbe? Sarà convocato. col Verona non aveva i 90′, ora sta bene. Maicon non è ancora al 100%, ma non ci sono più rischi per lui”.

La si è indebolita?
“Sarà la stagione a rispondere alle operazioni di mercato. La rimane una squadra di alto livello e sappiamo che domani dovremo essere al massimo per vincere”.

Totti e Dzeko insieme?
“Possono giocare insieme. E’ una possibilità che aiamo e la useremo durante la stagione”.

Serve ritmo nella circolazione della palla
“Col Siviglia la squadra ha palleggiato a ritmi veloci. A Verona il campo non permetteva di girare velocemente il pallone. Per giocare su ritmi alti doiamo essere più equilti nelle verticalizzazioni e nell’ampiezza del gioco. Poi i nuovi arrivati hanno bisogno di tempo per inserirsi al meglio negli schemi”.

, invece, sente il rumore dei nemici…e attacca: “Giocherà Padoin, ho provato tante soluzioni in settimana ma sono tutte dei rischi. Al Sandro e Cuadrado sono ancora indietro, ma domani giocherà Dybala. -Roma è una delle partite più importanti del campionato. Doiamo essere consapevoli di avere tutte le carte in rea per vincere, anche se sarà dura”.

GLi altri… “Domani torna a disposizione Morata, Marchisio ci sarà dopo la sosta. Per Khedira ci vuole ancora temp. Per quanto riguarda il mercato, Coman è andato via, è stata una sua scelta e la società ha fatto le sue valutazioni. E’ del 1996 e l’anno scorso ha giocato molto quindi deve ringraziare la ntus, poi in questo inizio di stagione ha giocato subito e sapeva la mia considerazione quale fosse, ma tenere i giocatori contro voglia è un male per la squadra. Ci deve essere ambizione per se in questo gruppo. Llorente era un’uscita programmata dal mercato, mi spiace perché è un ragazzo straordinario e mi ha dato tanto umanamente e fisicamente. Zaza non andrà via, è un giocatore importante. Isla non sarà convocato e gli altri vengono a giocare e basta”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply