ULTIM'ORA

Garcia: Roma è punto di arrivo, qui per vincere!

garcia

di Romana Collina - Cagliari? La Roma non ha più margini di errore se vuole inseguire il sogno….
fa i conti con gli infortuni e ammette: “Mai avute tante assenze, col Cagliari dovremo dare tutti di più per chiudere questo cerchio nero”. L’ultima: “Totti ha l’influenza, condizioni da valutare. Ibarbo? Per noi era ok”.
Chiude i rumors sul suo futuro… “Sono qui per vincere, la Roma non è un trampolino”.
Domande e risposte.
Tanti assenti
“Non ho mai avuto così tanti assenti, ma posso solo dire che faremo di domani con i giocatori a disposizione. Loro sanno che devono dare tutti di più per compensare queste assenze. A noi per ripartire basta una vittoria. E faremo di per averla”. “Lavoriamo tutti i giorni sulla preparazione con i preparatori e lo staff. Ad ogni modo un po’ di sfortuna c’è, guardate il caso Strootman e Iturbe. Altri si sono fatti male in come Keita e De Rossi. Sono cose che succedono durante una stagione. Dobbiamo fare in modo che quando torneranno tutti faremo in modo di finire la stagione con meno problemi per avere più scelte e una squadra più forte sul lungo tempo”

Come sta Totti?
“L’abbiamo risparmiato. Ha una mezza influenza e ha lavorato in palestra. Valuteremo nelle prossime ore. Se migliora o no”

Caso Ibarbo
“Sul caso Ibarbo le cose sono semplici. Aveva curato il suo infortunio al polpaccio. Ha un tendine rotuleo da sorvegliare ed era prevista una visita a Barcellona. Abbiamo preso un rischio in partita. Il giorno prima si è allenato e abbiamo valutato la sua disponibilità a giocare. Poteva giocare solo 20′. Ha giocato bene e il giorno dopo non abbiamo fatto nulla di particolare in . Né tiri, né salti, né scatti. Sui è infortunato a un altro muscolo. E’ stata una fatalità, niente di più”

L’errore più grave dall’inizio della stagione
“Lavoriamo tutti i giorni al massimo. Peccato che siamo usciti dalla Copap Italia che volevo vincere. Rimangono campionato ed e daremo il 100%. Faremo di per portare la Roma dove deve essere. In alto alla classifica. Lavoriamo anche sul lungo tempo. La nostra di questa stagione è questa, ma vogliamo chiudere questo cerchio nero”

Si lavora di più sulla fase difensiva o offensiva?
“Rispetto alla scorsa stagione non si possono fare paragoni. Noi lavoriamo su . Dobbiamo essere più solidi in difesa e fare più gol in . Dobbiamo rispondere sul campo. La verità esce dalle partite, non dalle mie parole”

Troppe pressioni sulla squadra?
“Io e Sabatini abbiamo fatto in modo che i giocatori in questo momento di difficoltà diano di più. Devono essere consapevoli che rimaniamo con una squadra che può lottare con tutti, ma è necessario dare di più anche terminando la gara senza più benzina nel motore. La cosa che ho detto a lo staff o è che in questo momento dobbiamo fare tutti di più per dare questa spinta necessaria e tornare alla vittoria. Soprat contro il Cagliari che siamo in pochi”

Ostacolo Cagliari
“Ha cambiato allenatore e da quando è arrivato Zola sta facendo bene. Sarà un piacere incontrare Zola, un grande calciatore e un grande allenatore. Come dico sempre, nelle nostre gare non dipende dall’avversario. Prima dobbiamo essere molto concentrati e se sarà così saremo competitivi”

Costruzione dell’azione dalla difesa e pressing
“Questa Roma non è quella della scorsa stagione. Noi giochiamo con questi giocatori. E quando ti manca qualcuno o sei costretto a schierare dei giocatori che non possono giocare ogni tre giorni, allora facciamo con quello che c’è a disposizione. E possono mancare gli automatismi, oppure dobbiamo mandare in campo qualcuno appena rientrato da un infortunio. Facciamo di per avvicinarci al massimo dell’efficacia”
resta fino allo scudetto?
“Sono venuto alla Roma per vincere dei trofei. La Roma non è un trampolino”

Che responsabilità ha in questa stagione?
“Il destino di questa Roma è non solo quello di lottare sempre per lo scudetto, ma anche in Europa. Questa cosa non si fa in un giorno, l’ho già detto. L’unica cosa che mi anima è ridare l’orgoglio alla città e ai , magari anche solo pensandoci, è ciò che voglio. La stagione non è l’obiettivo principale, il futuro della Roma è quello di una squadra importante in Italia e all’estero. Ora che le cose vanno male dobbiamo dimostrare di essere forti”.

Scarso aftamento difensivo o scarso filtro a centrocampo?
“Niente di questo. Di recente abbiamo affrontato squadre che puntano sul contropiede. Forse è vero che abbiamo subito situazioni spalle alla difesa, ma dipende dalla qualità degli avversari. Noi dobbiamo migliorare, essere più compatti e dobbiamo salire di più: abbiamo anche difensori veloci, come Manolas, quindi non dobbiamo aver paura di essere alti. Nella ripresa con la Fiorentina abbiamo giocato molto alti e non abbiamo sofferto nulla, invece nel primo stavamo bassi e abbiamo sofferto. Io lavoro perché i miei giocatori si guardino allo specchio e vedano quanto sono forti. Dobbiamo avere fiducia. Chi non prende rischi, non va mai avanti”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply