ULTIM'ORA

Furia Conte, 3-1: tifosi zitti, Capello? Scudetti revocati.

di Antonella Lamole – Il Chievo fa esplodere la furia di Antonio su Capello, i fischi a Giovinco, l’umiltà.

“E’ inaudito per una squadra che da tre anni fa cose straordinarie avere fischi dai si: guai a chi tocca i miei calciatori”, difende a spada tratta Giovinco preso di mira dallo um.
Vale anche per le critiche di Capello? “Guardi a casa sua. Ha vinto due scudetti, ma con una squadra che era un’armata è uscita ai quarti di ”.

va pesantissimo proprio su Don Fabio: “Ascolto di tutto sulle mie decisioni, ma sento tante fesserie… C’è più puzza in casa di altri. Dei suoi anni ricordo non tanto il gioco ma due scudetti revocati”.

Poi rettifica… “Ma quelli erano scudetti ampiamente meritati”.

Attacco frontale: “Quando parlano i guru noi dobbiamo stare zitti, ascoltare e ossequiare… ognuno è libero di esprimersi come vuole, stranamente spesso e volentieri Capello viene a mettere il becco dentro casa di altri. Io mi ricordo gli scudetti di Lippi e di Trapattoni, non ricordo la di Capello. Non mi ha impressionato in quei due anni: aveva la più forte però come gioco non mi impressionò. Mi guarderei bene prima di dire delle fesserie”.

In curva allo um è comparso uno strano striscione, che chiedeva a tutti, allenatore compreso, un bagno di umiltà…
“Ognuno è libero di esprimere ciò che pensa” eloquente però il suo gesto per Giovinco. “L’ho fatto per Giovinco, lo farei per Peluso, per e per tutti i miei calciatori. Sono talmente amareggiato che non mi va di parlarne”.

In secondo piano perfino il lunedì ‘punitivo’.
“Non c’è stata sfuriata solo un confronto con i calciatori. Era necessario affrontare subito la questione, la gara di Verona non mi era andata giù. Ma l’ho fatto anche altre volte…”.

La vittoria col Chievo ha messo tutto a posto? “E’ un momento in cui dobbiamo fare molta attenzione, l’auto di Caceres lo dimostra. Anche in partite in cui sembra che dominiamo. Ma della vittoria col Chievo sono nto, bene così”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply