ULTIM'ORA

Fuoriclasse gentiluomo: Gay, angelo caduto dal cielo, tornato in Paradiso!

g-scireasg1233-2560x1707

“La prima volta che Gaetano Scirea stette con me a un raduno della Under 23, pensai ‘questo è un angelo piovuto dal cielo’. Non mi ero sbagliato: solo che lo hanno rivoluto indietro troppo presto…”. Il giorno in cui morì a 36 anni il campione più corretto che il calcio italiano abbia espresso, il 3 settembre 1989, la metafora più calzante alla sua gura di fuoriclasse dal volto umano fu quella di Enzo Bearzot. Per il Ct ‘Mundial’, che con le parole scolpiva sulla pietra, Scirea era tornato ‘maledettamente anzitempo’ da dove era partito, in Paradiso.

Ma la retorica connaturata a un eroe sportivo gentiluomo non deve oscurare la caratura calcistica di un giocatore che – oltre a essere persona perbene, modello di comportamento e modestia – era un fuoriclasse. Un Beckenbauer, per intendersi, senza l’orgoglio intellettuale del tedesco che si faceva chiamare giocando (e parlando) sempre a petto in fuori. Scirea no, lui anzi quasi mai parlava. E se gli capitava di peccare di orgoglio dopo una delle tante vittorie andando a festeggiare lo scudetto con i compagni di squadra della , nel rientrare a casa alla prime luci dell’alba, incontrando i primi operai che per la strada si affrettavano verso le fabbriche della at, si copriva il volto con il bavero della giacca per il pudore: a suo padre, anche lui operaio, non sarebbe piaciuto vedere il glio in giro a quell’ora. E per la verità non piaceva neanche a lui: quando raggiungeva il suo amico delli a Tirrenia per le vacanze, ed erano già personaggi affermati, di sera dopo una cena in giardino si mettevano a giocare a nascondino con le mogli.

Gaetano Scirea da Cinisello Balsamo era schivo, infatti, educato e corretto anche in campo: mai espulso o squalicato, nonostante di mestiere facesse il difensore, ‘libero’ come si chiamava allora con termine coniato da Gianni Brera e reso universale dalla bellezza del suono e del concetto. Difensore, poi…: sì, chiudeva i varchi in maniera magica, ma era bravissimo anche a far ripartire l’azione, retaggio di un passato remoto da centrocampista avanzato. Nell’azione del secondo gol degli azzurri nella nale mondiale del 1982 contro la Germania, quello di delli, Scirea è il giocatore italiano più avanzato e tocca la palla due volte, una di tacco. D’altra parte era elegante, sul campo si muoveva a testa alta, usciva palla al piede dalla difesa e intuiva il gioco prima degli altri.

La lo aveva preso dall’Atalanta e in bianconero Gaetano diventò leggenda vincendo 7 scudetti, 2 Coppe Italia, una Coppa Campioni, quella dell’Heysel, la Coppa Intercontinentale, la Coppa , la Coppa delle Coppe e la Supercoppa europea. Con la giocò 563 partite ufciali, segnando 24 gol. Campione del mondo con la nel 1982 al Bernabeu, Scirea era rispettato perno dai rivali.

Piansero in tanti quando arrivò la terribile notizia della sua in un stradale in Polonia, sulla superstrada Varsavia-Katowice. Ci era andato per studiare il Gornik Zabrze, avversario in Coppa della di cui era diventato viceallenatore. Era domenica sera, Sandro Ciotti lesse la notizia dell’Ansa in diretta tv e delli, che era ospite in studio, si sentì male. Si sentì male con lui tutta Italia, per un personaggio impensabile nel football di oggi, contrassegnato da creste e tatuaggi, ma decisamente anomalo anche allora. Tra le sue giocate eleganti, i suoi gol, i suoi tanti successi, si intersecano anche gesti ieratici: quando in un orentina- i calciatori delle due squadre cominciarono a spintonarsi dopo un brutto scontro a centrocampo, Scirea raggiunse il gruppo dei litiganti e con sguardo fulminante disse l: ‘tevi, in tribuna ci sono le nostre mogli, i nostri gli e i tifosi che ci stanno guardando’: la rissa cessò all’istante. Insomma, come spiegò con un’altra metafora indovinata Trapattoni, Scirea era “un leader, con indosso il saio”. E in tempi di leader che indossano solo il prolo facebook, la nostalgia si rafforza.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply