ULTIM'ORA

Fuori una, ne escono male Milan e calcio italiano!

3267958-66876428-2560-1440

di Paolo Jr Paoletti - Ne esce male il Milan. Ne esce male Pioli. Ne esce male il calcio italiano! Contro il Liverpool Due, i rossoneri perdono la gara della vita, quella che avrebbero dovuto vincere per strappare la qualificazione agli ottavi di Champions. Atletico Madrid permettendo, che invece  ha vinto quando doveva assolutamente vincere, mostrando la ‘garra charrua’ del Cholo Simeone.

Bisogna ammettere che il lav fatto al Milan da Maldini e Massara, Gadzidis e tutto il club è stato importante, perchè  è difficile ripianare i , essere di proprietà di un fondo, ovvero una proprietà impersonale e lontana da Milano, è fare comunque bene come ha fatto e sta facendo il Milan.  Adesso resta il campionato che non è poco e sopratutto difficile quanto gli ottavi mancati.

Servirà sostituire Kjaer, recuperare gli infortunati, non mollare con la testa confermando una crescita di mentalità da cui non si può prescindere per vincere titoli. Mentalità che però senza non basta. Ormai lo dicono tutti, da Mou che conosce perfettamente Milano a Totti che è la Roma e probabilmente rientrerà nel club. A Spalletti al quale non garba dire (per accordo con De Laurentis) che la rosa è incompleta e complessivamente di qualità non all’altezza per vincere.

Questa è la verità: servono grandi giocatori. I costano. I presidenti non pagano, ma intascano e non sanno gestire/programmare la crescita di una società. Perchè anche nel calcio, interessa, l’oggi non il domani.

Milan-Liverpool è il manifesto nudo e crudo del calcio italiano. Poi ci si chiede perchè la Nazionale deve giocarsi gli spareggi per andare in . Mancini a giugno ha fatto un miracolo, ma il calcio come qualsiasi impresa non può vivere di miracoli ma di progetti seri, realizzati da manager competenti, finanza all’altezza lontana dagli interessi delle tasche dei ricchi scemi.

Il Milan ha fatto ciò che potuto: 3 stagioni di fila in cui i sono diminuiti e la classifica è migliorata. Non basta per essere tra le prime 16 d’Europa. Quelle che una volta erano le vere protagoniste di un vero torneo tra , oggi ad un evento televisivo sempre per i soldi inseguiti dai presidenti.

Bisogna dare fiducia a Maldini, sostenere Pioli, ma anche parlare chiaro: il progetto di ristrutturazione rossonero è a buon punto. Dopo i disastri della cessione berlusana ancora con seri dubbi sulla provenienza dei fondi thailandesi. Ai , quasi 60.000 ieri a , interessa chi garantirà il e quale . Ieri hanno ancora sofferto, Milano la capitale italiana della finanza, non può più restare fuori dal grande giro del calcio internazionale.

PS. L’Inter era già qualificata, ma ha perso malissimo 2-0 a Madrid. L’espulsione di Barella denota l’inesperienza a certi palcoscenici, i soli 2 tiri in  porta il gap, per adesso incolmabile, con le grandi d’Europa. Ricordando lontanissimi i grandi successi di Angelo ed il ‘Triplete’ del figlio Massimo e Josè !

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply