ULTIM'ORA

Finanza sui Pozzo: dal 1998 in Luxembourg!

l43-giampaolo-pozzo-udinese-130802205804_big

di Emiliano Fittipaldi* - I di Totò di domenica scorsa, la Finanza in ufficio giovedì mattina. L’Udinese e il suo patron Giampaolo Pozzo finiscono ancora nel mirino della procura di Udine, che stamattina ha mandato gli uomini della Guardia di Finanza a perquisire la sede della squadra di e l’abitazione dell’imprenditore, sospettato di avere fatto dichiarazioni fiscali fraudolente mediante fatture false. O meglio, per operazioni inesistenti.

Gli inquirenti stanno lavorando su presunti illeciti nella compravendita dei giocatori e sulle attività fiscali della spa. «Le indagini hanno finora accertato», spiega una fonte della procura, «che l’Udinese è controllata da una società lussemburghese, la Gesapar, che detiene la maggioranza assoluta delle azioni. Ma i proprietari i sono schermati dietro due società panamensi».

In tà bastava aver letto il saggio “Fuorigioco” di Gianfrancesco Turano per capire che, dopo alcuni guai con il fisco, nel 1998 i Pozzo costituirono «in Lussemburgo la finanziaria Gesapar Holding, che diventa la nuova controllante dell’Udinese con il 98.34% delle azioni. Gianpaolo conserverà l’1,56% e suo figlio Gino lo 0,1%». I soci di Gesapar, al 50 per cento, sono la Global Service Overseas e la national Services, due società di comodo con sede a Panama . «I primi amministratori della Gesapar sono il fiduciario svizzero Giuseppe Volpi e il lussemburghese Jean Faber, referente di Sergio Cusani per i della maxitangente Enimont trasferiti alla Banque national à Luxembourg», chiosa ancora Turano. Ora il sospetto della magistratura è che la complessa struttura societaria sia stata messa in piedi per evadere le tasse. Si vedrà.

Di certo non è la prima volta che l’Udinese finisce invischiata nelle indagini dei procuratori. Nel 2003 il figlio del patron, Gino Pozzo, fu indagato con un altro dipendente per ricettazione e falso: i due – secondo l’accusa – avrebbero falsificato i passaporti di alcuni giocatori portoghesi, in modo da aggirare il ite dei tre giocatori non comunitari impiegabili in squadra: nel 2010 il pm ha chiesto il prosciogento per avvenuta prescrizione.

Qualche anno prima, nel 1998, Pozzo e figlio furono invece indagati per falso in o, con i pm che ipotizzarono – inizialmente – frodi fiscali per una sessantina di miliardi di lire. «Sono un perseguitato, vendo entro l’anno», dichiarò rabbioso il padrone dell’Udinese. Che – dopo aver chiuso i conti con l’erario – cambiò però idea. E struttura societaria. Ora la partita con la Guardia di Finanza ricomincia.

*L’Espresso

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply