ULTIM'ORA

Ferrero trema: Samp fuori Europa per il caso Guberti?

ferrero

di Terna La Rossa - Ferrero trema, potrebbe perdere l’Europa League. Il no al Genoa, è stato un sogno troppo veloce. Le verifiche per la licenza sui requisiti di ammissibilità sono a rischio per il patteggiamento, estate 2012, nel caso Guberti coinvolto nel scommesse.
Ora è l’ di a sperare nel ripescaggio.
Durante la conferenza stampa di presentazione di Zenga, l’avvocato Romei ha cercato di rassicure: “Entro dieci giorni ci sarà la decisione dell’. Non siamo preoccupati. C’è il precedente del Torino e siamo fiduciosi. Siamo organizzati per andare in Europa, daremo all’ gli approfondimenti richiesti. Se cambiano i programmi? Andiamo avanti come se nulla fosse”.

L’articolo 50.3 dello Statuto in vigore dal 27 aprile 2007, tiene sospesa la Samp. Non si è idonei a partecipare alle competizioni europee quando si è o si è stati coivolti “in attività che tentino di prestabilire o influenzare il risultato di una partita nazionale o nazionale”.

Ferrero ha impugnato la notifica e nominato un collegio di avvocati. C’è il precedente Torino: l’anno scorso è stato ammesso nonostante il patteggiamento per il caso-Pelli e Carobbio.
La Samp è sostenuta anche da un concetto che chiede all’ di riconoscere la responsabilità diretta e non quella oggettiva.
Martedì è attesa la decisione per l’eventuale ricorso al Tas.
Anche Napoli e Lazio sono sotto investigazione ma non rischierebbero nulla.

Walter Zenga non ne sapeva nulla …”Dopo vent’anni rivedo facce conosciute, ho incontrato tante persone che avevo già avuto l’onore e la fortuna di conoscere.
Torno a casa, in una famiglia”. Walter Zenga si presenta da nuovo allenatore della . Per l’ Uomo Ragno, chiamato a sostituire , è il in una società dove ha speso fra gli anni della sua carriera da portiere e sedere sulla panchina blucerchiata “per me e’ un punto d’arrivo importantissimo. Per me allenare la Samp e’ qualcosa di meraviglioso e di fantastico”.

Zenga sa di dover raccogliere un’eredita’ pesante. “Sono state fatte delle cose fantastiche ma sono qui per migliorare le cose e dare tutto me stesso”. Nessun proclama se non il fatto che “una societa’ sceglie un allenatore perche’ crede che possa fare delle scete che non devono essere improntate al suo personale curriculum ma per il bene della societa’ stessa. Dove mi vedo fra un anno? Sono appena arrivato – sorride Zenga – Sono ottimista di natura, sono sempre positivo e non voglio essere di passaggio. Se ho firmato un anno di contratto e’ perche’ non voglio essere di peso a nessuno, voglio che la gente capisca che non ero alla ricerca di un biennale, di un triennale ma che mi essa solo lavorare bene e con le persone con le quali vado d’accordo”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply