ULTIM'ORA

Fallimento totale di ADL, il Napoli rotola a Bergamo!

hqdefault

di Paolo Paoletti - Atalanta-Napoli 4-2. Senza il di  Zielinski e un’autorete la Dea avrebbe vendicato l’affronto dell’andata. Il vero dato è che in un girone  il Napoli è crollato, mentre l’Atalanta ha ripreso a marciare alla grande con l’onore di affrone il Real in , la concreta possibilità di vincere la nale di Coppa Italia, mantenere il quarto posto in classica!

Tutto questo risolvendo alla grande il nodo Gomez, lanciando Pessina altro giovane di grande valore, rilanciando Muriel che veramente si dimostra di alto livello se ben gestito!

Tutte cose che avrebbe potuto e dovuto fare il Napoli e non ha fatto, arrancando nella più nera del dopo Ancelotti, nel flop più devastante del giocatore più pagato della storia del club, nella necessità di cacciare l’ennesimo allenatore senza coraggio e palle per farlo!

E’ la bocciatura denitiva e totale per De Laurentis che ha distrutto il miglior Napoli della sua gestione per ripicca verso Sarri, l’arrogante rinuncia a competenti di calcio, il fallimento di un progetto mai esistito per la boria di un signore che niente capisce di calcio e che con il calcio a Napoli si è arricchito a dismisura per la sua misura. UN Destino segnato che solo chi ama Napoli ed il Napoli poteva denunciare anni fa.

La squadra è allo sbando: nessuno tiri fuori la storia degli infortuni. Detto da tutti, mai il Napoli di ADL aveva avuto una rosa così omogenea  per quantità. Tutti si sono dimenticati di denunciare però la scarsa qualità degli effettivi. E non è vero che esce Mertens e chi gioca non lo fa rimpiangere. Oppure che Politano avrebbe potuto sostituire . Giuntoli non sa fare calcio, non ha carisma e credibilità per dire a Gattuso dove sbaglia, nessuno sa da dove cominciare. FALLIMENTO TOTALE!!!

Si vergognassero anche tutti i media che davano il Napoli competitor addirittura per lo scudetto, Paolo Condò in primis, per bassi essi di bottega ovvero il blico dei napoletani in giro per l’Italia che da mesi stanno rescindendo i contratti calcio, presi in giro da chi spilla mese per mese abbuffandoci di fesserie.

L’Atalanta invece può sperare nella zona . Perchè sa cambiare le partita in corsa, ha preparazione psicosica, talenti, un grande allenatore, una società competente, un settore le di alto livello, lo stadio rinnovato anche se vuoto come tutti gli altri. Era un campionato difcile, lo è per tutti… ma si salveranno solo quelli che sanno fare calcio!

Primo tempo segnato dall’espulsione di Gasperini, che alza la voce per un mancato rigore. Nella ripresa però con e senza Gasp, i nerazzurri ingranato la quarta: Zapata la sblocca al 52′, Zielinski fa pari al 58′, Gosens (64′) e Muriel (71′) allungano e costruiscono il risultato della Dea. L’autorete del tedesco (76′) tiene vivo l’esse. Romero fa poker  al 79′.

L’Atalanta andrà a giocarsela con il real Madrid, il Napoli rischia seriamente di essere sbattuto fuori anche dall’Europa di serie B da un Granata che due anni fa era in nella seconda Liga spagnola…

Che vergogna!!!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply