ULTIM'ORA

Disgusto al Duomo: il calcio è becero, via Vezzali e Lamorgese!

Inter supporters celebrate Italian national soccer championship title

di Paolo Paoletti - L’Inter non c’entra. Centra o e il calcio becero!

Quanto accaduto ieri a o in Piazza Duomo e chissà dove altro ancora, è il chiaro segno del decadentismo del Sistema calcio, diventato laboratorio di superficialità, disprezzo delle regole, becerume. Non da ieri, non per uno che mancava da 11 anni!

I tifosi non dovevanop scehder in poazza per il pari dell’Atalamnta e la matematica certezze del titolo? NO, non dovevano farlo. Non dovevano farlo perchè pensare che un tifoso possa rispettare i limiti del buon senso e dell’opportunità è una presa in giro. Di tutti: istituzioni, medici, polizia, Stato.

Mi spiace caro Draghi, il suo Governo ne esce sconfitto. Ed il Ministro degli Interni dovrebbe dimettersi! Possibile che un paese in pandemia, economicamente alla canna del gas, sull’orlo della crismi più profonda dagli Anni Sessanta,  debba porsi il problema dello ?

Si avrebbe dovuto farlo ed è questo il chiaro segno di dove siamo caduti.

l’Inter aveva giocato al sabato, vincendo. Si sapeva che un pari dell’Atalanta era possibile contro il Sassuolo ed andavano fatte 2 cose: q1 avvertire i tifosi interisti che sarebbero dovuti restare in casa, organizzare ronde con mezzi pesanti fin dalla mattinam per far capire alla gente che nopn c’era niente da scherzare.

Eh si che l’Inter aveva chiesto l’anticipo alle 15 per la gara contro la Samp, momento in cui poteva definirsi la . Ovvero aveva posto i presupposti per organizzare un festeggiamento sentito ma rigso.

La Polizia ha sbagliato, hanno sbagliato e Lega, le colpe vano ricondotte fino alle responsabilità dei Ministeri: dov’era la Vezzali? Perchè non è intervenuta per segnalare il bisogno di una azione di contenimento preventiva ai fatti di domenica sera? E’ facile accettare nomine, è difficile impersonare un ruolo di responsabilità per chi non lo ha mai fatto.

Terribile la dichiarazione… “Era probabile che eventi del genere si potessero verificare. L’importante è che non si verifichino più”. Fontana è un qualunquista irresponsabile. Doveva già essere a casa! Cosa dirà quando la Lombardia tornerà Rossa?

Che schifo, la nostra vita è in mano a dilettanbti alo sbaraglio. La è morta e non sono serviti 121.000 decessi per dare un po’ di dignità alla gestiona del pubblico interesse. Draghi intervenga!!!

ANSA – “Bisogna chiedere alle persone il rispetto delle misure di sicurezza. Mi auguro e spero che non aumentino i contagi, ma questo lo potremo dire tra due settimane”. Così il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha commentato gli assembramenti dei tifosi interisti ieri sera in piazza Duomo per la festa . ”Speriamo – ha aggiunto Fontana – che situazioni di questo genere non abbiamo determinato nessuna conseguenza e speriamo che in si evitino ulteriori scene di questo genere perché onestamente rischiano di essere un po’ pericolose. Speriamo che arrivi prima la vaccinazione”.

Sono otto le posizioni al vaglio della Polizia di Stato dopo il breve tafferuglio avvenuto ieri sera in centro a o, sul finire dei festeggiamenti spontanei dei tifosi nerazzurri per il diciannovesimo dell’Inter.

Un momento di tensione, subito arginato dalle forze dell’ordine presenti, in una serata in cui non sono stati provocati né danni né ferimenti.

“La gioia la si può comprendere però credo che su di essa debba prevalere il senso di responsabilità: 121mila morti devono averci insegnato qualcosa. Onorare la l morte vuol dire evitare assembramenti”, ha detto a Sky TG24 il presidente del Consiglio Superiore di Sanità e coordinatore del Comitato tecnico scientifico Franco Locatelli. “Tutte le occasioni di assembramento – ha aggiunto – vanno assolutamente evitate, ivi compresi i festeggiamenti dei tifosi della squadra di calcio che ha vinto il ”.

“Quando il popolo dei tifosi, in modo assolutamente spontaneo e non organizzato, scende in strada per festeggiare lo atteso da anni, bisogna necessariamente coniugare le ragioni della prevenzione del contagio con la gestione dell’ordine pubblico e con la tutela della incolumità delle persone - dichiara in una nota il prefetto di o, Renato Saccone -. Abbiamo valutato che chiudere piazza Duomo, spazio urbano ampio e con numerose vie di esodo, sarebbe stato inevitabilmente occasione di ancora più densi e rischiosi assembramenti, sotto ogni profilo”. ”Di fronte a trentamila tifosi esultanti, circa diecimila nel picco in piazza Duomo – aggiunge il prefetto Saccone – non si usano idranti, né ha senso transennare una città. Si opera per evitare incidenti di qualsiasi natura, che non ci sono stati, per ridurre nei tempi le manifestazioni di festa, con il rispetto del ‘coprifuoco’, per salvaguardare le tante attività commerciali e della ristorazione e il diffuso passeggio domenicale di un pomeriggio primaverile in zona gialla, così come è stato”. “Con questo approccio, sono stati previsti e approntati servizi mirati e flessibili, con la consapevolezza che la gestione dell’ordine pubblico è un delicato equilibrio tra interessi non sempre collimanti, i cui risultati positivi non sono facilmente visibili perché consistono spesso in “ciò che non accade”.

“Sala non poteva far entrare 20.000 tifosi in uno stadio che ne contiene 80.000, invece di tacere e scappare? o ha ancora un ?”: è quanto scrive su Twitter il leader della Lega Matteo Salvini. Subito la replica del di o, Giuseppe Sala: “L’ex Ministro dell’Interno, Matteo Salvini chiede: ‘Sala non poteva far entrare 20.00 tifosi in uno stadio che ne contiene 80.000?’. La risposta è no. Innanzitutto perché gli stadi sono chiusi. E poi, come entrano ed escono 20.000 tifosi senza assembrarsi?”. Sala ha poi aggiunto al suo post sui l’hashtag #ministropercaso, riferito a Salvini.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply